vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sanità del Vastese, Pd di nuovo in piazza contro tagli e chiusure

Più informazioni su

GISSI – Ancora in piazza contro i tagli alla sanità del Vastese. “Si asciuga la sanità pubblica per fare un favore a quella privata”. Lo ha detto Silvio Paolucci, segretario regionale del Pd, durante sit-in di protesta che il partito ha organizzato stamani a Gissi contro la chiusura dell’ospedale dell’entroterra vastese e il taglio di 40 posti letto al San Pio da Pietrelcina di Vasto.

“Il Piano operativo approvato dalla Giunta Chiodi e avallato dal governo nazionale – polemizza Paolucci – stabilisce disparità tra pubblico e privato, tra le province abruzzesi e anche all’interno della stessa provincia di Chieti, dove il Vastese è costretto a subire tagli esorbitanti. Si asciuga la sanità pubblica – afferma il sedretario del Pd – per fare un favore a quella privata”.

“L’ospedale civile di Gissi – si legge in un comunicato della segreteria provinciale dei Democratici – dal 1° settembre non esiste più. Quell’enorme struttura, che per anni ha rappresentato un punto di riferimento per le erogazioni di servizi sanitari in favore non solo dei cittadini residenti nel medio ed alto Vastese, ora si chiama Presidio Territoriale di Assistenza. Ovvero una struttura dove non vengono garantiti nemmeno i servizi assistenziali di prima necessità.

Alla protesta hanno preso parte i vertici del Partito democratico: oltre al segretario regionale, Silvio Paolucci, il senatore Giovanni Legnini, i consiglieri regionali Camillo D’Alessandro e Franco Caramanico; i consiglieri provinciali Camillo D’Amico e Giuseppe Forte; i sindaci di Vasto Luciano Lapenna, San Salvo Gabriele Marchese, Cupello Angelo Pollutri, Monteodorisio Ernesto Sciascia e Lentella Carlo Moro, dirigenti provinciali e locali del Pd.

“Dall’ospedale è sparito anche il reparto di geriatria e lungodegenza, che è stato trasferito a Vasto, dove la Regione ha tagliato i posti letto”, ha detto il sindaco di Gissi, Nicola Marisi (Pdl), invitato a parlare. Il segretario locale del Pd, Lino Marisi, ha chiesto al primo cittadino di dimettersi.

Una decisione che passa sopra le teste delle popolazioni locali e dei loro rappresentanti, hanno sottolineato Legnini e Paolucci. Non sono stati nemmeno aperti dei tavoli di confronto a livello provinciale, ha ricordato Lapenna.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su