vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ospedale, i posti saranno 200. Nuove preoccupazioni per due reparti

Più informazioni su

VASTO – Perderà tra i 30 e i 40 posti letto l’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. Saranno questi gli effetti dei tagli alla sanità imposti dalla Regione Abruzzo.

I numeri sono stati forniti stamani dal direttore sanitario, dottor Giuseppe Mariotti, nell’incontro con una delegazione del Partito democratico. Ad incontrare Mariotti al San Pio sono stati il senatore Giovanni Legnini, il segretario regionale del Pd, Silvio Paolucci, il consigliere provinciale Camillo D’Amico, il presidente del Consiglio comunale, Peppino Forte, i sindaci di San Salvo e Cupello, Gabriele Marchese e Angelo Pollutri.

Dopo la chiusura dell’ospedale di Gissi, i reparti di geriatria e lungodegenza sono stati trasferiti a Vasto, per un totale di 35 posti letto, che però verranno in parte tagliati nel prossimo futuro. A Gissi rimangono solo le prestazioni ambulatoriali. Al San Pio da Pietrelcina 180 posti letto per acuti e 20 per la lungodegenza. Il rapporto tra il numero di posti letto e quello degli abitanti scenderà nel Vastese a 1,9. La media regionale è di 3,5.

“Per alcuni servizi, come la Tac – ha spiegato Mariotti – la domanda è esagerata e inappropriata”. Ma sui ricoveri, se è vero che “oggi in ospedale ci sono 145 pazienti”, in una giornata, come quella di sabato, che è in genere la più tranquilla della settimana, è altrettanto vero che “in media ce ne sono 170 al giorno, ma ci sono momenti di punta in cui dobbiamo trasferire negli altri ospedali pazienti già stabilizzati. Qui dentro mai ci sono state barelle” lungo i corridoi “e mai ci saranno”. Però “vorrei tornare – ha detto Mariotti durante la riunione – a una equa ripartizione tra posti letto e numero degli abitanti”.

Preoccupazioni sono state espresse da Forte circa le voci che circolano riguardo a un ridimensionamento anche dei reparti di geriatria e ginecologia e al rischio di chiusura del centro Avis di Vasto, il migliore d’Abruzzo.

“Manterremo alta l’attenzione su questi problemi e continueremo a far sentire la nostra voce a livello regionale”, ha detto Legnini.

Una circolare della direzione generale della Asl provinciale ha vietato per la prima volta agli organi di stampa le riprese video e le foto durante la visita nei reparti.

Più informazioni su