vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Società autostrade scrive alla Provincia: "A14, niente terza corsia"

Più informazioni su

VASTO – “L’ampliamento dell’autostrada A14 nel tratto a sud della regione Marche non è negli attuali programmi di Autostrade per l’Italia”. Lo afferma Mario Bergamo, responsabile del settore controlli tecnico-progettuali della società che gestisce il tratto autostradale adriatico, rispondendo a una lettera del presidente della Provinciadi Chieti, Enrico Di Giuseppantonio. Il capo dell’amministrazione provinciale il 10 agosto scorso, in un giorno caratterizzato da code lunghissime, aveva chiesto la costruzione della terza corsia.

“Sul tratto – è la risposta dell’ingegner Bergamo – dell’autostrada adriatica che attraversa il territorio abruzzese, i tassi di incidentalità rilevati sono inferiori a quelli registrati sulla rete nazionale; valori che si sono ridotti nell’ultimo quinquennio di oltre il 20% per quanto riguarda gli incidenti con conseguenze alle persone e di oltre il 50% per gli incidenti mortali.
Le caratteristiche piano-altimetriche del tracciato e della sezione autostradale, a cui lei fa riferimento, sono legate all’epoca in cui l’autostrada è stata realizzata e, come risulta dall’andamento dell’incidentalità, tali parametri non hanno alcun effetto negativo sulla sicurezza dell’infrastruttura autostradale di cui trattasi.
Per quanto attiene ai livelli di traffico, si fa presente che sul tratto abruzzese dell’autostrada adriatica si registrano flussi veicolari molto inferiori rispetto a quelli delle tratte dell’arteria su cui Autostrade per l’Italia è già intervenuta o sta intervenendo con lavori di ampliamento”. Il tratto abruzzese della A14 non è prioritario, anche perché gli ampliamenti costano 20 milioni di euro a chilometro.

 

Più informazioni su