vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

L'ultimo saluto a Nicola Marino, il parroco: "La sua vita un dono per noi"

Più informazioni su

VASTO – “Solo la fede può farci capire il dono della vita di Nicola”. Don Francesco Labarile parla in una chiesa zeppa come un uovo. Cerca di fare coraggio a Monica, la moglie di Nicola Marino, ai parenti e ai tanti amici che riempiono il tempio dedicato a San Giovanni Bosco.

In poche ora la notizia della morte di Nicolino Marino, che i vastesi chiamavano semplicemente Nicola, ha fatto il giro della città. Se n’è andato uno dei sindacalisti più noti. E una persona che non negava un sorriso a nessuno. Se n’è andato a 42 anni. In chiesa ci sono tutti quelli che lo hanno conosciuto, dai rappresentanti politici di livello locale e regionale ai colleghi della Cisl, il suo sindacato che lo ricorderà sempre in quella foto insieme al leader nazionale, Raffaele Bonanni. Ci sono i segretari provinciali dei metalmeccanici e gli operai della Denso, il cuore dell’attività sindadale di Nicola. Non possono mancare gli amici che con lui hanno condiviso l’esperienza di dj e speaker radiofonico.

“Nella parola del Signore – dice don Francesco iniziando la celebrazione – possiamo trovare la spiegazione e salutare il nostro Nicolino”. Spesso, sottolinea il parroco, ci chiediamo perché le persone buone ci lasciano e diciamo: “Perché, Signore non intervieni” a punire “le persone cattive, quelle che si comportano male? La fede deve guidarci” anche quando, come in questo caso, “consideriamo la morte a 42 anni troppo precoce, prematura perché non vediamo quello che c’è stato prima. Solo la fede può farci capire il dono della vita di Nicolino. Noi abbiamo avuto già tutto dal Signore, anche se non lo capiamo, io per primo”. Quindi rivolgendosi ai familiari di Nicola Marino: “Nicolino da lassù può fare molto di più e noi quaggiù possiamo pregare per lui”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su