vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Parco, oggi si discute del perimetro: convegno a Palazzo D'Avalos

Più informazioni su

VASTO – Un dibattito pubblico sul futuro Parco nazionale della Costa teatina per discutere su quanto debba essere ampia l’area protetta che sorgerà attorno all’ex tracciato ferroviario della linea adriatica. Lo organizzano a Vasto per oggi pomeriggio Sinistra ecologia e libertà e Rifondazione comunista. Appuntamento alle 18 nei musei civici di Palazzo D’Avalos. Verrà aperta alla cittadinanza la discussione che si è arenata in Consiglio comunale il 14 settembre, quando ore di litigi hanno prodotto un rinvio della questione per approfondimenti.

Tutto ruota attorno alla perimetrazione della riserva, che abbraccerà l’intera Costa teatina da Francavilla al Mare a San Salvo. Vasto, con i suoi 16 chilometri di litorale, è il Comune capofila. Il problema è che che il perimetro individuato dalla Regione Abruzzo e condiviso dal Ministero dell’Ambiente comprende il 70% del territorio comunale, incluso l’intero nucleo abitato della città. Un’estensione che quasi tutti i partiti rappresentati in Consiglio comunale ritengono eccessiva e rischiosa: “Potrebbe ingessare lo sviluppo di Vasto”, dicono tutte le forze politiche, tranne Sel e Rifondazione, che hanno chiesto e ottenuto di approfondire la questione in una successiva seduta dell’assemblea civica, la cui data è da fissare.

“Nelle ultime settimane – si legge in una nota di Maurizio Vicoli e Fabio Smargiassi, consiglieri comunali dei due partiti –  si è creata una futile diatriba tra chi dà per scontato che l’inserimento del 70% del territorio vastese all’interno del Parco possa ingessare un intero territorio e chi, come noi, pensa che ci sia bisogno di un approfondimento con esperti e funzionari di parchi e riserve, prima di emettere giudizi”. Di qui l’idea del convegno di oggi pomeriggio sul tema Parco nazionale della Costa teatina: potenziale sviluppo o ingessamento?

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su