vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Allagamenti e fango, il Comune chiede alla Regione i risarcimenti

Più informazioni su

VASTO – Il Comune di Vasto chiede alla Regione Abruzzo i soldi necessari a risarcire i cittadini che hanno subito danni da fango e allagamenti dello scorso 10 settembre. La formale richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale è stata inoltrata dal municipio al governo regionale. L’ondata di maltempo del mese scorso ha causato disagi a non finire nella città alta, a Vasto Marina e nelle contrade.

Invase da 20 centimetri di acqua mista a melma case e garage sulla riviera, sull’Istonia, a Sant’Antonio Abate, lungo la strada provinciale interna Vasto-Salvo, in via Lota, in località Conicella e in molte altre zone della città, come via San Biagio, via Cinque Olivi, al Villaggio Siv. Allagata, nel violento temporale del 10 settembre, anche la chiesa di Stella Maris, a Vasto Marina, e le aree circostanti il parcheggio multipiano di via Ugo Foscolo.

In municipio sono state protocollate almeno 20 lettere di avvocati che chiedono il risarcimento dei danni subiti dai loro assistiti. Il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, aveva annunciato nel Consiglio comunale del 15 settembre che l’amministrazione avrebbe chiesto lo stato di calamità naturale. L’istanza è stata ora formalmente inoltrata dal Comune alla Provincia di Chieti e alla Regione, cui spetta la valutazione di questa e delle altre domande presentate da altri centri del litorale abruzzese pesantemente colpiti dall’ondata di maltempo. “Alcune perizie sulla quantificazione dei danni sono ancora in corso”, dice Lapenna. Serviranno somme ingenti.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su