vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

D'Amico (Pd): strade disastrate, ha ragione il vescovo. E la Provincia?

Più informazioni su

VASTO – “Le autorevoli parole espresse dall’arcivescovo
di Chieti-Vasto, Bruno Forte, circa lo stato pietoso in cui versano le strade
provinciali di collegamento tra Guilmi e Carpineto Sinello, definite
le peggiori in assoluto, riportano d’attualità la sistematica dimenticanza
di questo territorio da parte del centrodestra nell’amministrazione della
cosa pubblica e della cosiddetta filiera istituzionale”. Lo afferma il capogruppo
del Pd alla provincia di Chieti Camillo D’Amico. “Alla silenziosa ma crescente
crisi occupazionale e perdita di posti di lavoro, soprattutto nel tessile,
abbigliamento e manifatturiero, a cui si somma una delocalizzazione produttiva
che va assumendo dimensioni preoccupanti, non è più sopportabile la situazione
viaria provinciale. L’ assenza fisica e politica della giunta Di Giuseppantonio
– prosegue D’Amico – è già stata metabolizzata da amministratori locali e
cittadini. La storia dei debiti pregressi non paga più termini di giustificazione,
su tanti dei quali nutriamo ancora molti dubbi per natura, fattura e fondatezza,
anche alla luce del fatto che, dove occorreva solo autorevole iniziativa
politica, nulla di concreto è stato compiuto. E’ giunta l’ora di buttare
la maschera – conclude D’Amico – e fare un reale e concreto elenco di priorità
d’azione ed intervento verso cui la nostra parte politica non si sottrae
per dare il proprio contributo. Per il Vastese, proprio per dare forza alle
ragioni di maggiore urgenza e necessità, non abbiamo lesinato d’informare
e chiedere conforto ed aiuto al prefetto di Chieti includendo, nella formale
segnalazione, anche la provinciale Carpineto Sinello-Guilmi oltre alla provinciale
Trignina che collega Palmoli alla FondovalleTreste. In questo
periodo è in corso di redazione il piano triennale dei lavori pubblici 2011/2013
ed è questo lo strumento di pianificazione per rifissare le priorità”. (Agi)

 

Più informazioni su