vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Confcommercio: "No ai ristoranti nei trabocchi. E' concorrenza sleale"

Più informazioni su

VASTO – Non trasformate i trabocchi in ristoranti perché fanno concorrenza sleale ai locali della riviera. Secondo la Confcommercio provinciale di Chieti, la Costa dei trabocchi rischia di diventare la costa delle trattorie. Angelo Allegrino, presidente dell’associazione, chiede una soluzione che ponga fine all’annosa questione dell’utilizzo delle antiche macchine da pesca che danno il nome al litorale da Ortona a Vasto

“Abbiamo aspettato la fine della stagione estiva per evitare strumentalizzazioni da parte di chiunque. Ora però non possiamo tacere su una situazione che ogni anno diventa sempre più fuori controllo e che sta seriamente danneggiando i ristoratori del litorale, costretti al pagamento di tasse e varie  imposte e all’adempimento di rigide norme in materia di sicurezza sul lavoro e igiene.  “I gestori dei trabocchi – dichiara Allegrino – hanno seguitato ad esercitare la funzione di vere e proprie strutture di ristorazione, soddisfacendo appieno interessi speculativi, in barba a tutte le norme di sicurezza, ai collaudi di staticità, alle passerelle per disabili, ai controlli sulle norme igienico sanitarie, sulle reti fognarie, agli impianti elettrici, alle norme sanitarie sulle attrezzature da cucina che hanno preso il posto dei casotti ad uso di rimessaggio degli attrezzi da pesca”. 

“Siamo consapevoli – precisa il presidente provinciale di Confcommercio – che i trabocchi rappresentano un simbolo della nostra costa e che potrebbero davvero essere il volano per attrarre turisti in questa zona, a beneficio di tutto il tessuto commerciale locale. Ma il loro ruolo deve essere ben definito: sì a visite guidate e a degustazioni di prodotti tipici. No invece alla ristorazione vera e propria, perché quelle strutture non sono ristoranti e pure i clienti, al di là del fascino che può avere una cena sul trabocco, dovrebbero comprendere che anche le tutele e le garanzie nei loro confronti sono molto attenuate”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su