vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La città ricorda i suoi caduti in guerra. Corteo nel centro storico

Più informazioni su

VASTO – Sobria e partecipata, stamani a Vasto, la cerimonia in onore della vittoria nella Prima Guerra mondiale. La città ha ricordato i suoi caduti. Lo ha fatto a distanza di 3 giorni dalla ricorrenza del 4 novembre, data in cui per volontà del prefetto di Chieti, Vincenzo Greco, si svolge nel capoluogo una manifestazione unitaria per tutta la provincia.

Intorno alle 9.30 il corteo di autorità civili, militari, ex combattenti e semplici cittadini ha compiuto la prima tappa nella cattedrale di San Giuseppe per la celebrazione eucaristica, al termine della quale il serpentone si è snodato per le strade del centro storico. Due le corone d’alloro che i soci dell’Anmi, associazione nazionale marinai d’Italia, hanno deposto ai piedi dei due monumenti simbolo del sacrificio di tanti soldati vastesi: prima il Cippo ai Caduti del mare in via Adriatica e poi il Monumento ai Caduti in piazza Caprioli. Presenti il capitano dei carabinieri di Vasto, Giuseppe Loschiavo, il comandante della Guardia costiera, Daniele Di Fonzo, rappresentanze di polizia, finanza ed ex carabinieri. In piazza Caprioli il raduno conclusivo. Prima la deposizione della corona d’alloro ai piedi del Monumento ai Caduti. Poi è stato il presidente della sezione cittadina dell’Anmi, Mario Pollutri, a introdurre gli interventi del presidente del Consiglio comunale, Peppino Forte, e del sindaco, Luciano Lapenna.

Forte ha ricordato “i tanti giovani che sono partiti per andare in guerra e non sono più tornati”. Lapenna ha avuto parole di stima per il lavoro delle forze dell’ordine. La cerimonia si è conclusa con l’Inno di Mameli intonato dalla banda San Martino di Vasto.

micheledannunzio@vastoweb.com 

Più informazioni su