vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incendio al bar, si cercano indizi. I carabinieri: nessuna pista è esclusa

Più informazioni su

SAN SALVO – Pochi indizi. Il fuoco si è mangiato tutto. “Non trascuriamo nessuna pista”, dice Giuseppe Loschiavo, capitano dei carabinieri di Vasto, che indagano con la scientifica, il nucleo operativo e radiomobile e i militari della Stazione di San Salvo per dare volti e nomi agli ignoti che hanno appiccato il fuoco al bar-ricevitoria-edicola L’Angolo Rainbow di San Salvo Marina.

Il raid. Chi è entrato in azione nella notte tra sabato e domenica intorno ha sfondato la vetrata della porta d’ingresso, praticando il foro necessario a versare del liquido infiammabile, presumibilmente benzina, sul pavimento. Poi è bastato bruciare con un accendino un foglio di carta o uno straccio per scatenare le fiamme. L’intervento dei vigili del fuoco del Distaccamento di via Madonna dell’Asilo ha evitato il peggio. I danni sono limitati. Annerite le pareti interne, la pavimentazione all’entrata e danneggiata la porta. Giornali e altri articoli in vendita sono rimasti intatti. Rimane l’inquietante episodio, il terzo nel giro di pochi giorni, dopo l’auto incendiata a Vasto in via Spataro e il principio d’incendio che ha danneggiato il taxi d’epoca di un pub del centro storico vastese. In entrambi i casi indaga la polizia.

Le indagini. Il proprietario del bar di San Salvo Marina, D.M., 67 anni, ieri mattina era turbato: “Ho aperto 7 anni fa. Da un annetto ci siamo  spostati di qualche decina di metri. Mai avuto richieste estorsive, né minacce”, ha raccontato. Nonostante un cartello affisso sul muro esterno del locale, non c’è videosorveglianza da cui attingere le immagini. “Abbiamo in progetto di installare le telecamere, ma attualmente non ci sono”, ha detto il sessantasettenne. “Non trascuriamo nessuna pista”, si limita a dichiarare il capitano Loschiavo. Al momento bocche cucite. Che si tratti di un semplice dispetto o di qualcosa di più grave lo diranno le indagini. Che partono da pochi elementi e dalla ricerca di testimonianze.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su