vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ristoratore preso a sprangate e derubato, scatta il secondo arresto

Più informazioni su

CUPELLO – Il cerchio si è chiuso anche attorno al secondo aggressore del ristoratore preso a sprangate e derubato il 6 giugno scorso a Cupello. I carabinieri hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla magistratura vastese nei confronti di Fabrizio Forgione, 22 anni, di Cupello. Insieme a un 33enne di Monteodorisio, Domenico Di Biase, arrestato il 12 luglio, avrebbe messo a segno la rapina su cui i militari della locale Stazione indagavano da mesi. Il ristoratore cupellese, O.B., 62 anni, era stato preso a sprangate.

Acquisizione di testimonianze e alcuni indizi trovati sul posto, tra cui una sciarpa, hanno consentito agli investigatori di ricostruire la vicenda e risalire ai presunti autori del reato. Il ventiduenne, accusato di rapina aggravata, è stato condotto nel carcere di Torre Sinello, a Vasto, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

I fatti del 6 giugno. E’ stato costretto a far ricorso alle cure dei medici dell’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto O.B., 62 anni, titolare del ristorante Parco Paradiso di località Ributtini a Cupello, preso a sprangate da due sconosciuti nel tardo pomeriggio. L’uomo, che si trovava nella struttura, ha notato la presenza sospetta dei due che, a volto coperto, cercavano di entrare nella fattoria del parco e li ha invitati a sloggiare. I due, per tutta risposta, lo hanno colpito con violenza con delle mazze di ferro, derubandolo anche di 500 euro che aveva con sé, prima di allontanarsi a piedi. Indagano i carabinieri della Compagnia di Vasto.

Più informazioni su