vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vetrina di Vastoweb: il trenino del gusto si ferma all'alberghiero

Più informazioni su

TERMOLI – Il gran galà del gusto all’Ipssar chiuderà a dovere, domani sera, la seconda edizione de ‘Il Trenino del Gusto’, l’appassionante percorso a tappe che porta nei migliori locali della città a base di cucina di pesce e che fa scoprire e valorizzare i prodotti tipici e la capacità di elaborazione dei piatti dal sapore intenso della tradizione marinara.

Grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale di Termoli, l’evento itinerante è divenuto un ‘must’ della destagionalizzazione turistica, tanto da connotarsi per una sfida autunnale che vorrebbe avere repliche in altre parti dell’anno.

Ideata dall’associazione A.R.Te., la novità per eccellenza del 2009 si è confermata anche nel 2010.
Dopo le 4 serate trascorse nelle dodici tappe in altrettanti ristoranti associati, con gli ospiti sguinzagliati per il centro storico di Termoli a bordo del trenino su gomma della Gtm, circuito che ha potuto vantare un crescendo di pubblico e consensi, la ciliegina sulla torta è rappresentata dall’evento finale ospitato e allestito all’Ipssar.

La maestria dei docenti e l’abnegazione e il talento dei ragazzi permetterà di offrire un menù straordinario a base di pesce, con cui si delizierà il palato dei presenti.

Una cena che già da diversi giorni ha visto chiudere le prenotazioni: nettamente superiori le richieste ai posti disponibili, a causa dell’assenza di uno spazio capace di contenere l’enorme domanda.

Dall’Alberghiero sono state invitate anche le amministrazioni regionale, provinciale e comunale, nelle persone degli assessori all’Istruzione Di Sandro e della Formazione Fusco Perrella, il presidente della Provincia Nicola D’Ascanio, il sindaco Di Brino, l’assessore al Turismo Vergallo e all’Istruzione Cocomazzi, oltre alla Pro loco di Termoli  e alle associazioni di categoria.

Un sforzo significativo, con cui l’Ipssar conclude il percorso di apertura al territorio, capace di entrare in sinergia con gli attori protagonisti della città e della costa molisana, come la stessa associazione A.R.Te, con cui è stato siglato finanche un interessante e costruttivo protocollo d’intesa.

Tra i momenti più significativi della serata la premiazione al ristoratore più longevo di Termoli e l’estrazione di un biglietto per un viaggio offerto da una agenzia cittadina.

“La scuola mette alla prova sé stessa – ha dichiarato il dirigente scolastico Maria Chimisso – convinti che ci sarà la possibilità di conseguire un risultato di eccellenza, non solo dal punto di vista dell’accoglienza e del servizio, che sarà assolutamente impeccabile, ma soprattutto sull’offerta gastronomica di prim’ordine.  Nostro malgrado abbiamo dovuto rinunciare a tante richieste, a conferma di come nell’immaginario collettivo l’Alberghiero si traduca in un sinonimo di affidabilità e di qualità nell’ambito dell’offerta dei servizi per la ristorazione”. Per la professoressa Chimisso la scommessa più grande è quella della valorizzazione del territorio. “Crediamo in noi stessi e facciamo sì che concretamente le idee divengano una realtà vincente”, la chiosa del capo d’Istituto.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente dell’Associazione Ristoratori termolesi Giorgio Sprocatti.
“Siamo lieti di aver potuto contare sul supporto dell’Ipssar in questa seconda edizione de’ “Il Trenino del Gusto”, che ha riscosso anche quest’anno il meritato successo. Con l’Alberghiero ci auguriamo di poter percorrere un sentiero di crescita congiunto, a tutto vantaggio della nostra città e della filiera enogastronomica del Molise”.

Il cuore dell’iniziativa starà proprio nei piatti elaborati dai maestri di cucina.

L’antipasto prevedrà un pasticcio di sgombro agli agrumi, una chiffonade di seppia con mela cotogna e gamberoni su quennelle di caponata. Spazio, dunque, al timballino di filetto di alici con cime di rapa, souté di totano su vellutata di fagioli e bauletto di baccalà su ventaglio di patate.

La cena proseguirà con troccoletti di grano saraceno su coulis di ceci con filetti di scorfano e pomodorini cofit, prima del gran finale, il trabucco in cartoccio: triglie, pescatrici, occhiate e non solo con patate, olive nere, peperoni, fungo e pomodoro.

L’ultimo peccato di gola giungerà al..Capolinea, come il nome del dessert che concluderà il Gran galà, uno spettacolare millefoglie con mousse al cioccolato, più croccante e frutti di bosco.

La sponsorizzazione del vino è affidata al Gruppo Italiano Vini, con tre delle sue quindici aziende di proprietà: Bolla del Veneto, Castello Monaci, cantina di riferimento del Salento (Puglia) e Ca’ Bianca del Piemonte.

I vini abbinati alle portate saranno: Bolla – Prosecco Conegliano e Valdobbiadene Docg, Castello Monaci – “Piluna” Primitivo del Salento Igt 2009, Castello Monaci – “Kreos” Rosato del Salento Igt 2009 e Ca’ Bianca – Moscato d’Asti Docg 2009.

Più informazioni su