vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Elezioni 2011: il centrosinistra sfoglia la margherita: Primarie sì o no?

Più informazioni su

VASTO – Il dopo Bersani è il momento delle scelte. Il centrosinistra di fronte a un bivio: primarie o non primarie, deve decidere chi sarà il candidato sindaco. A fine mese scadrà l’ultimatum dell’Italia dei valori. Dal primo dicembre i dipietristi si sentiranno svincolati da qualsiasi obbligo di coalizione.

Primarie. Peppino Forte candidato alle primarie? Si può fare. Il segretario del Pd non si tira indietro, ma precisa: “Lavoro per l’unità del partito e della coalizione. Se poi gli eventi dovessero condurre verso un determinato percorso, allora da uomo dipartito sarò disponibile a fare delle scelte per il bene del partito, ma soprattutto della città”.

Se primarie saranno, Forte non esclude di esserci. A meno che tra i democratici non si trovi la quadra sulla conferma del sindaco in carica, Luciano Lapenna. Ipotesi ancora possibile, anche se all’interno del Pd di potenziali aspiranti all’ufficio più importante di piazza Barbacani ce ne sono altri. C’è Domenico Molino, che dopo aver partecipato a Firenze alla convention dei “rottamatori” guidati dal sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi, è tornato a chiedere le primarie per far scegliere agli elettori il leader del centrosinistra. Da mesi circola anche il nome del vice sindaco, Vincenzo Sputore. “Sono quasi certo – dice Forte – che le faremo. Dobbiamo solo valutare cosa ci hanno detto gli altri partiti della maggioranza con cui ci siamo confrontati. Quindi dovremo decidere se fare le primarie di coalizione o solo interne al partito, ma questa seconda ipotesi non mi sembra molto favorevole al Pd”.

Farle da soli, senza i compagni di viaggio di questi quattro anni e passa, avrebbe un significato molto diverso. Riduttivo.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su