vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Conad Adriatico: domani il meeting d'autunno a Vasto Marina

Più informazioni su

VASTO – “Il quadro macroeconomico del Paese è tale da consentire la ripresa? Quali leve azionare per tornare a crescere? Professionalità, efficienza, formazione, responsabilità sociale, qualità del prodotto sono sufficienti per crescere, camminando controcorrente e percorrendo il tornante
della storia?”. Queste le principali domande che domani, giovedì 25 novembre, alle ore 16.30, presso l’Hotel Palace di Vasto Marina, i soci imprenditori di Conad Adriatico proporranno al professor Giacomo Vaciago, ordinario di Economia Politica all’Università Cattolica di Milano e ad Antonio Di Ferdinando, amministratore delegato di Conad Adriatico, nel consueto meeting d’autunno che ogni anno esplora gli scenari macroeconomici dello sviluppo cercando di aggiungere al punto di vista di una moderna azienda della distribuzione organizzata quello di ricercatori e opinion leader di caratura internazionale.

“La spesa pubblica – dice Vaciago  ha raggiunto la cifra record di 800 miliardi, più del 50 per cento
del pil e su questo i cittadini sono un po’ miopi, perché credono che la spesa pubblica venga pagata da chissà chi, quando invece siamo sempre noi a sborsare. Il paradosso sta nel fatto che la spesa è più popolare e riceve più plausi della riduzione delle imposte. Per cui tutti i governi, compreso quello di centrodestra attuale, alla fine non riescono a tagliarla. Rappresenta un sistema che dà consensi, ed anche con l’odierna manovra, davanti a Regioni ed Enti locali che si ribellano, finirà come sempre: si tralasceranno le spese e si concederà l’autonomia di aumentare le tasse. Questo perché il taglio delle spese ha dei costi politici, anche se non è impossibile.

“Negli ultimi tre anni  nonostante la crisi generale il gruppo Conad Adriatico ha aumentato la rete vendita
di 45.810 mq passando dai 155.740 mq ai 201.550 mq”, si legge in una nota della società emiliana, che “ha incrementato gli addetti dai 3.483 ai 4.830, con un saldo positivo di 1.347 unità; le vendite sono
aumentate del 21,2 per cento superando i 900 milioni di euro; i clienti giornalieri hanno superato il milione; sono state erogate oltre 20mila ore di formazione all’anno”.

Più informazioni su