vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La difesa: "Villa all'Incoronata, la confisca non è ancora definitiva"

Più informazioni su

VASTO – Contro la confisca della villa sequestrata in località Incoronata, a Vasto, la difesa dei coniugi rom ha presentato un ricorso in Cassazione. Lo annuncia Raffaele Giacomucci, l’avvocato  della coppia rom di Vasto in carcere con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, a cui la magistratura ha prima sequestrato e poi confiscato l’immobile di via dei Bontempi, in località Incoronata.

Il Comune di Vasto ha in progetto di utilizzarla come sede di una casa famiglia o di altri servizi sociali. La scorsa settimana il sopralluogo di una delegazione capeggiata dal sindaco, Luciano Lapenna, insieme ai finanzieri all’interno dello stabile, situato nella periferia settentrionale della città.

Ma Giacomucci mette le mani avanti. L’abitazione, afferma il legale, non è di Carmine Bevilacqua e Lucia Sauchella, i due rom arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. “La Cassazione deve esprimersi su una questione precedente al sequestro dei dieci chilogrammi di droga trovati dai carabinieri nella casa nel luglio scorso. I coniugi Bevilacqua, infatti, erano già sottoposti al regime di sorveglianza speciale e per questo già destinatari di un procedimento di confisca dell’abitazione da parte della procura vastese.
La loro posizione, tuttavia, è quella già espressa nei mesi scorsi: la casa è intestata ai figli della coppia, una dei quali divenuta da poco maggiorenne e il terreno fu comprato dai nonni che poi costruirono il grezzo del fabbricato. Immobile, dunque, non confiscabile: che colpa hanno i figli per la condotta dei genitori? Il Tribunale di Chieti aveva già ritenuto fondata questa tesi, poi ribaltata dalla Corte d’Appello. Chiaro che se la Cassazione, adesso, accoglierà il primo ricorso, per un effetto, diciamo così, di trascinamento, anche la seconda richiesta di confisca perderà efficacia. Ci andrei piano – conclude Giacomucci – prima di ipotizzare soluzioni abitative diverse”.

Più informazioni su