vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Celenza: "Ambiente, tre promesse non mantenute dal Comune"

Più informazioni su

VASTO – Nessuna campagna informativa sul rischio di incidente rilevante nella zona industriale di Punta Penna, niente lista delle antenne presenti a Vasto, né alcun piano di riduzione numerica delle colonie di colombi. “Tre promesse non mantenute dall’amministrazione comunale”, afferma l’associazione civica Porta Nuova.

“Qualcuno – afferma Michele Celenza, presidente del sodalizio – forse ricorderà un nostro comunicato dello scorso 22 maggio in cui si dava conto di alcuni colloqui intercorsi tra la nostra associazione e l’assessore comunale all’ambiente, Anna Suriani (Sel), nel corso dei quali avevamo presentato certe richieste di interesse generale; e naturalmente si riferivano le risposte che avevamo ricevuto”.

Porta Nuova chiedeva una variante al Piano regolatore di Vasto per garantire la sicurezza degli abitanti di Punta Penna contro il rischio d’incidente rilevante nella vicinissima zona industriale e, dunque, la “necessità di mantenere le opportune distanze tra stabilimenti e zone residenziali”. L’associazione aveva sollecitato anche “la predisposizione di un regolamento comunale, come ne esistono nella maggior parte dei Comuni d’Italia, per la localizzazione degli impianti di telefonia mobile e radiotelevisivi”, oltre all’istituzione di un comitato permanente di consultazione e controllo sulle criticità ambientali presenti nel Vastese, composto da rappresentanti di Provincia, Comuni, Arta (agenzia regionale di tutela dell’ambiente) e dalle associazioni ambientaliste.

“Dopo oltre sei mesi”, fa notare Celenza, “l’assessore Suriani non ha mantenuto neanche uno degli impegni che aveva assunto” riguardo alla campagna informativa sui rischi a Punta Penna e in merito alle antenne e alla riduzione numerica delle colonie di colombi.

La replica. “Auguro di cuore a Celenza di essere eletto e di confrontarsi con i bilanci risicati del Comune e il personale insufficiente di alcuni settori”, risponde la Suriani. “Nonostante l’impegno del personale e del dirigente del settore Ambiente, Franco Salvatorelli, non si riesce mai a fare tutto. Entro la fine del mandato – promette – manterremo gli impegni presi con l’associazione civica Porta Nuova”.

 

Più informazioni su