vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Cinema, "Babel film festival": 2 vastesi al concorso internazionale

Più informazioni su

VASTO – Un film-documentario, opera prima dei giovani filmmaker vastesi Riccardo Bruni e Daniela Giammarino è in concorso al prossimo Babel Film Festival che si terrà a Cagliari dal 6 all’11 dicembre.
Il Babel Film Festival è il primo concorso cinematografico internazionale che intende valorizzare e promuovere il cinema delle minoranze linguistiche, destinato esclusivamente a film parlati in lingue minoritarie, a dialetti, slang o linguaggio dei segni.
Il sipario aprirà il 6 dicembre 2010, a Cagliari, con la proiezione dei film in concorso e I due giovani registi abruzzesi presenteranno in anteprima, nella sezione documentario, il proprio lavoro E nesër?, portandolo all’attenzione di un pubblico internazionale.

Scheda del film. “E nesër?”
23’” – Italia 2010
Scritto e diretto da: Riccardo Bruni, Daniela Giammarino
Con:    Felicetta Bitri
Costanzo Di Labbio
Donato Iannacci
Giacinto Fazzano
Matteo Ferrazzano
Teresa Ines Palmiotti
Gaetana Viola
I piccoli Gilberto e Piercostanzo
E con la partecipazione degli anziani di Campomarino e Ururi
Aiuto alla sceneggiatura: Maria Assunta Fazzano
         Brunella Fratini

Dialoghi arbëresh/italiano, traduzioni arbëresh/italiano: Maria Assunta Fazzano
Dialoghi italiano/inglese: Daniela Giammarino

Consulenza culturale:  Maria Assunta Fazzano
 Gianni Frate 

colonna sonora: The underscore orkestra   
   Het gloren
   Ergo phizmiz

Chi sono gli Arbëresh? Minoranze linguistiche sparse nel corso dei secoli in tutta l’Italia meridionale, in fuga dalle terribili invasioni turche nei balcani e portatori di una cultura lontana, di difficile collocazione all’interno di un sistema chiuso e fortemente radicato come il nostro.
E nesër – E domani? Questa è la domanda che si pongono i protagonisti. Nei loro canti, nei racconti  e nelle tradizioni tramandate oralmente, emerge un costante richiamo alla patria di origine. Una sorta di sehnsucht che fortifica il loro senso di appartenenza, di comunanza e solidarietà culturale, che dimostrano portando avanti l’ultimo baluardo della loro esistenza: una lingua ancora viva, che difendono orgogliosamente e cercano di preservare a tutti i costi dal baratro del dimenticatoio con l’unico mezzo che hanno a disposizione: la parola.
Teresa, Matteo, Costanzo, Giacinto e tutti gli altri non sono solo testimoni; attraverso il racconto di vicende di paese portano avanti aspetti della propria cultura fondamentali per le generazioni future: sono radici forti come quelle degli ulivi centenari che popolano il Molise e che come loro rischiano di scomparire e cancellare così secoli di storia.
Un passaggio di testimone che avviene all’ombra di un albero di ulivo: nonno e nipote custodi del tempo e consapevoli della saggezza in esso racchiusa.

Biofilmografia
Daniela Giammarino è nata a Chieti nel 1981, vive e lavora a Vasto. Laureata in Traduzione e Interpretariato presso l’Università d’Annunzio’ di Chieti –  Facoltà di Lingue e Letterature Straniere di Pescara è videomaker per passione, con particolare interesse per il videoclip musicale e la video arte sperimentale.
Riccardo Bruni è nato  a Vasto nel 1980. Dopo la maturità, contestualmente agli studi accademici, inizia a collaborare con diverse agenzie di comunicazione locali in qualità di grafico pubblicitario e fotografo. Nel 2005 decide di intraprendere esclusivamente l’attività di fotografo. La sua è una forma di fotografia che esula dall’essere tecnica, ma sperimentata come puro istinto, nel desiderio di rielaborare un’emozione visiva esprimendola in un istante rubato ai presenti.

Più informazioni su