vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dopo l'inchiesta di Vastoweb illuminazione nella "new town"

Più informazioni su

VASTO – E’ stata attivata nel tardo pomeriggio la pubblica illuminazione in via Alborato, nel quartiere in cui Vastoweb aveva condotto ieri un’inchiesta tra i residenti su disservizi e problemi.

Le dichiarazioni del sindaco. “Abbiamo sollecitato Enel Sole affinché si giunga alla stipula del contratto definitivo per la pubblica illuminazione di via Alborato”.

Luciano Lapenna, sindaco di Vasto, risponde così alle proteste dei residenti della new town spuntata negli ultimi anni lungo il tratto meridionale della circonvallazione Istoniense. I cittadini hanno sollevato una serie di problemi che riguardano la sicurezza di un quartiere in continua espansione edilizia. Di notte via Alborato, nell’oscurità, diventa una pista per le corse dei motorini. Due persone per ogni moto, col casco o il cappuccio in testa. Qualche volta si infilano anche nei garage privati. Una situazione già segnalata alle forze dell’ordine. Ma i residenti lamentano anche lo stato di abbandono dell’area verde a monte del quartiere, dove è in corso di realizzazione la nuova chiesa di Santa Maria del Sabato Santo. E’ proprio in quel cantiere che due volte i ladri hanno fatto sparire materiale per l’edilizia, rame in particolare. Poi, qualcuno ha anche deciso di mettere fuoco ai rotoli di guaina isolante destinati al tetto della parrocchia. I residenti chiedono alle forze di pubblica sicurezza di vigilare e al Comune di attivarsi perché la strada è stata illuminata per non più di una settimana.

“Erano – dice il sindaco – delle prove necessarie a verificare il funzionamento dell’impianto. Abbiamo sollecitato l’Enel affinché si giunga in tempi brevissimi a stipulare il contratto. Mi auguro che tutto si risolva nel giro di qualche giorno. Prima che questa amministrazione facesse costruire la strada e dotare il quartiere delle reti essenziali, in quella zona nei giorni di pioggia servivano gli stivali e nelle case non c’era il gas. L’inaugurazione? Stiamo aspettando che un’impresa privata ci consegni un parcheggio realizzato a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Sarà un parcheggio pubblico”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su