vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Polizia provinciale, Wwf denuncia: "Una pattuglia per 104 Comuni"

Più informazioni su

VASTO – Una sola pattuglia per 104 Comuni. Secondo il Wwf,  è ai limiti del collasso la situazione in cui versa la polizia provinciale di Chieti. La denuncia è di Claudio Allegrino, coordinatore del nucleo teatino delle guardie particolari giurate dell’associazione ambientalista: “In condizioni ottimali (escludendo per assurdo ferie, permessi, malattie, servizi di rappresentanza, compilazione di atti d’ufficio, altre competenze, ecc), in Provincia di Chieti sono attive sul territorio (per caccia, pesca ed ambiente) 2 sole pattuglie per ogni turno. Ciascuna pattuglia dovrebbe controllare la metà dei comuni e la metà del territorio della provincia: cioè 52 comuni e 2mila 586 chilometri quadrati di territorio.

Invece – sottolinea Allegrino – in condizioni normali, considerando ferie, permessi, malattie, servizi di rappresentanza, compilazione di atti d’ufficio, altre competenze, una sola pattuglia è presente sul territorio a coprire l’intera estensione della Provincia di Chieti: 104 comuni e 5mila 172 chilometri quadrati”.

E’ praticamente impossibile per i pochi agenti in organico “operare con efficacia e con sicurezza, essendo addirittura privi di divise idonee, senza prontuari e modulistica per redigere i verbali di contestazione”. In questa situazione è impensabile, secondo gli ambientalisti, che la polizia provinciale possa esercitare la “vigilanza relativa alla tutela ambientale, alla caccia e alla pesca nelle nostra provincia”.

“La crisi” del corpo di pubblica sicurezza “non nasce oggi, ma è frutto di un disinteresse diffuso delle amministrazioni provinciali che si sono succedute nell’ultimo decennio”.  Il Wwf chiede “un interessamento” al presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, “che ha tra l’altro la delega alla polizia provinciale”. Servono i mezzi minimi per operare con efficacia, meno compiti di rappresentanza e più presenza sul territorio dei poliziotti, cui bisogna far svolgere almeno tre volte l’anno corsi di aggiornamento e formazione.

Più informazioni su