vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Verso le elezioni 2011, Pd e Pdl, il 19 è la data fatidica delle scelte

Più informazioni su

VASTO – Domenica 19 dicembre. E’ il giorno che segna lo spartiacque tra l’oggi e il futuro elettorale sia del centrodestra che del centrosinistra.

Le scelte, importanti ma non ancora definitive, verranno compiute nella stessa data. Da entrambe le parti si deve decidere il candidato sindaco per le elezioni della prossima primavera. I due nomi verranno ufficializzati solo nelle prime settimane del 2011.

Peppino Forte, segretario del Pd, ha dato il via libera alla spedizione delle 270 lettere di convocazione dell’assemblea degli iscritti, che si riunirà domenica nella sala Di Vittorio del quartiere San Paolo. Il tema è uno, quello di cui si discute da un paio di mesi: primarie sì o no? Nei giorni che precedono l’assemblea, si sono tenuti in contatto i promotori della consultazione popolare. Nella riunione del parlamentino interno, proveranno a far blocco unico. Domenica il sindaco, Luciano Lapenna, prenderà la parola. Lo ha annunciato nei giorni scorsi. Da metà ottobre, deve sciogliere la riserva che pesa come un macigno sul futuro dei democratici e dell’intera coalizione. Se primarie saranno, Domenico Molino, assessore alle Finanze, si candiderà. Per fare lo stesso passo, il vice sindaco, Vincenzo Sputore – e probabilmente anche Forte – aspettano di conoscere la decisione di Lapenna, che non ha mai fatto mistero di non gradire la competizione con i colleghi di partito.

Un’alleanza in cui l’Italia dei valori è già partita da sola, annunciando che per l’ufficio più importante di piazza Barbacani correrà Patrizia De Caro, 54enne medico del 118 di Vasto.

Ma i dipietristi hanno anche lasciato uno spiraglio per un accordo con gli alleati di questi ultimi cinque anni.

A conclave anche il Pdl. Medesima data, stesso problema: trovare un’intesa sul nome più importante. Giacinto Mariotti, Antonio Prospero ed Etelwardo Sigismondi corrono per la nomination del centrodestra, che non farà un regalo di Natale ai propri elettori. Anche i berlusconiani, che cercano una sintesi tra le varie anime interne, sembrano intenzionati ad aspettare il nuovo anno prima di dare la notizia più attesa.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su