vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Neve: strade chiuse per il ghiaccio. Cronaca di una giornata durissima

Più informazioni su

VASTO – Ora l’insidia è il ghiaccio. Al Villaggio Siv, al confine tra Vasto e San Salvo, già segnalano che era praticamente impossibile mettersi al volante senza le gomme termiche. Le strade urbane e quelle della costa vastese stanno diventando delle lastre di ghiaccio. I 350 quintali di sale comprati dal Comune di Vasto per far fronte all’ondata di maltempo di questi tre giorni sono un pugno di sabbia lanciato nel mare bianco che si è riversato sul litorale abruzzese nelle quattro ore di nevicate mattutine. Ma nel tardo pomeriggio consentono almeno la riapertura alla circolazione delle strade della cintura urbana e dell’Istonia, l’arteria che conduce alla marina, chiusa due volte in giornata.
Oscilla tra i 15 e i 20 centimetri lo spessore dello strato di neve formatosi a Vasto, una quindicina a San Salvo. Con punte di 30 centimetri nelle aree di campagna e in quelle che si trovano più in alto e, dunque, sono maggiormente esposte agli agenti atmosferici. In entrambe le città chiuse le scuole di ogni ordine e grado anche domani.

Ore mattutine difficili. E’ stata una mattinata critica per la viabilità. Prima delle 7.30, quando rimanevano solo i residui di qualche spruzzata notturna (tra l’una e le 2 quella più consistente), molti sono saliti in auto per raggiungere i posti di lavoro. Nel giro di una quindicina di minuti, in tanti hanno cambiato idea, provando a tornare a casa. Ma ormai le precipitazioni nevose erano già molto fitte. Pauroso sbandamento per un pullman che trasportava operai diretti allo stabilimento Denso della zona industriale di Piana Sant’Angelo. E di lì a poco sul litorale si sarebbe riversata una parte consistente del traffico dell’autostrada A14, ormai impraticabile. Quattro i blocchi del traffico: nelle aree del casello di Vasto Nord, ma anche a Lanciano, Ortona e San Benedetto del Tronto. In serata riaperti ai mezzi leggeri solo i caselli del Pescarese. Invece, è stato rovente tutto il giorno il centralino del Distaccamento di Vasto Sud della polizia autostradale.

Traffico in tilt. Si può parlare di emergenza neve. Auto in panne e code a non finire a Vasto Marina, lungo la Statale 16, dove è stato dirottato il traffico dell’autostrada A14. Attimi di nervosismo e colpi di clacson per le persone al volante. Bloccati a lungo gli ingressi Sud e Est di Vasto. Sull’Istonia non si sale per tre ore. Non si passa sulla Statale all’altezza degli svincoli di località San Nicola, dove un camion è finito di traverso sulla carreggiata, come un altro mezzo pesante. Interdetti il viadotto Histonium (che non verrà riaperto prima di oggi), via Crispi e via Magnacervo. “Chi può, resti a casa”, raccomanda il sindaco, Luciano Lapenna. sbandamento per un pullman che trasportava operai diretti alla Denso.
Uno spartineve della Provincia di Chieti rimane bloccato a Sant’Antonio Abate. Polizia municipale e Protezione civile arrivano in soccorso. Il mezzo, una volta disincagliato, libererà via San Michele, via Vittorio Veneto, corso Garibaldi, piazza Verdi e l’Istonia fino al crocevia con la Statale 16. Possibili ritardi nell’arrivo dei treni. Visibilità ridotta a pochi metri sulla circonvallazione Istoniense. Almeno 10 auto di traverso sulla carreggiata. Altre sono ferme. Non si circola per lungo tempo. Una macchina è finita nella scarpata sottostante, nei pressi di via Conicella. E’ accaduto intorno alle 3 di notte. Il conducente ha abbandonato l’abitacolo della macchina danneggiata e si è messo in salvo. “Le segnalazioni sono tante. Speriamo non nevichi così per tutta la giornata”, incrocia le dita Sergio Petrongolo, comandante della polizia municipale di Vasto.

La situazione migliora. Riaperte prima delle 13 la Statale 16, la Provinciale Istonia (che poi verrà chiusa di nuovo nella corsia a scendere e riaperta alle 19 passate) e la circonvallazione Istoniense, dove la polizia municipale raccomanda agli automobilisti “massima prudenza”. Rimane chiuso il viadotto Histonium, dove si è formata una lastra di ghiaccio. Lo stesso problema che potrebbe presentarsi nelle ore serali sulle carreggiate riaperte alla circolazione. Sulla spiaggia di Vasto Marina venti centimetri. Verso Cupello anche di più. Molti i rami e gli alberi caduti sotto il peso della neve. Impegnati per l’intera giornata vigili del fuoco (che hanno soccorso due autotrasportatori in difficoltà in località San Nicola, mentre altri hanno fatto inversione dopo aver saputo dell’accaduto), Protezione civile, polizia stradale e vigili urbani, che hanno organizzato in mattinata 5 pattuglie per far fronte alle emergenze relative alla viabilità. In via Alborato i residenti chiedono il passaggio dei mezzi spargisale. Nella parte settentrionale di Vasto, tra i 15 e i 20 centimetri lo spessore del manto nevoso tra l’Incoronata, via San Sisto e la parte Nord di corso Mazzini.

A San Salvo durante le ore mattutine circolazione in tilt in via Istonia, la strada che costeggia la villa comunale dove, all’altezza di una rotatoria con canalizzazioni molto strette, gli autobus hanno fatto fatica a transitare. Segnalati 20 centimetri di neve nella zona 167, mentre in altre aree si scende a 10-15. “Abbiamo messo in azione 4 spartineve”, dice il sindaco, Gabriele Marchese.
Manifestazioni cancellate. A San Salvo rinviato a data da destinarsi il Consiglio comunale dei ragazzi, inizialmente fissato per oggi, mentre la tradizionale Festa dei diciottenni si terrà il 22 dicembre, alle 17, al Centro culturale Aldo Moro. Rinvii, a Vasto, anche per la festa del Centro diurno dei servizi sociali e la presentazione del libro di Paolo Calvano “Il cacciatore di due teste”, su Raffaele Mattioli ed Enrico Mattei. Stesso discorso per Speed od life, la proiezione nella sala conferenze degli ex palazzi scolastici di corso Italia del documentario a cura dell’Arci sul viaggio in bici di un giovane bosniaco dalla sua terra d’origine a Vasto in occasione degli scambi culturali internazionali.

Le scuole. Viste le condizioni meteo, con la neve caduta nella notte sulla città e sul litorale, i sindaci di Vasto e San Salvo, Luciano Lapenna e Gabriele Marchese, hanno firmato l’ordinanza di chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado per le giornate di oggi e domani. Alcune famiglie avevano già mandato i loro figli a scuola. Plessi scolastici chiusi anche a San Buono, Roccaspinalveti e Castiglione Messer Marino.

La notte precedente. La nevicata più forte è arrivata. Vasto città e la riviera imbiancate dalla neve che ha cominciato a cadere nella tarda serata di ieri, mercoledì 15 dicembre. I primi due giorni di allerta meteo erano trascorsi senza particolari disagi. Ma nella notte coltre bianca più consistente, sia sulle strade della città alta che al livello del mare: circolazione quasi inesistente dalla mezzanotte fino alle prime ore del mattino, anche sulle principali arterie, come la Statale 16, mentre è tutto bloccato sulla A14.

Più informazioni su