vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Idv: "Se ci saranno le primarie, non saranno di coalizione"

Più informazioni su

VASTO – Se si faranno, non saranno primarie di coalizione. Sulla scelta del candidato sindaco del centrosinistra l’Italia dei valori torna a piazzare i paletti: Patrizia De Caro non si metterà in competizione con altri aspiranti al ruolo di leader. Il dibattito è aperto e i giochi non sono fatti. Il 28 dicembre è il giorno in cui è fissato il nuovo tavolo di confronto.

Mercoledì, nella sede dei dipietristi, in largo del Fanciullo, di fianco alla cattedrale di San Giuseppe, si sono incontrati i segretari di cinque partiti del centrosinistra: Peppino Forte (Pd), Alfredo Bontempo (Idv), Sante Cianci (Sel), Fabio Smargiassi (Rifondazione comunista) e Luigi Rampa (Psi).

“Ribadiamo il nostro no alle primarie. E’ il Pd che deve decidere se farle o no, oppure ricandidare il sindaco Lapenna”, riassume Alfredo Bontempo, coordinatore cittadino dei dipietristi. “Nel momento in cui il Partito democratico decide chi è il suo candidato – ribadisce – ci sediamo al tavolo e dialoghiamo. Noi abbiamo il nostro. Lo abbiamo già annunciato: è Patrizia De Caro. Siamo disposti a fare un passo indietro, se dalle altre forze politiche emerge un nome in grado unire. E’ necessario riconsolidare la coalizione, garantendo compattezza anche dopo le elezioni ed evitando il rischio di pugnalate alle spalle”.

I socialisti vogliono “primarie di coalizione, altrimenti non hanno senso”, mette i paletti Rocco Cerulli, ex assessore dell’amministrazione Lapenna, estromesso nell’azzeramento di Giunta del 2009. “Se vengono indette le primarie, siamo disposti a candidare una persona che rappresenti noi e i Democratici per Vasto di Guido Colella”, ex sindaco di Torrebruna, “e Luigi Masciulli”, l’avvocato vastese di Marco Materazzi. “Ma non ci piace – è la critica di Cerulli – l’atteggiamento del sindaco, che all’assemblea del Pd dice: Se si fanno le primarie, io non ci sarò. E poi chiede che siano di tutta la coalizione, trincerandosi dietro il no di alcuni partiti”.

Le altre forze del centrosinistra cercano di parlare il meno possibile. Niente dichiarazioni ufficiali. Ma è chiaro che Sinistra ecologia e libertà e Rifondazione comunista si sono espresse da mesi a favore di una ricandidatura di Lapenna.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

 

 

 

 

 

Più informazioni su