vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Giochi natalizi: "L'asinuccio" con nonna Antonietta "la sartor'"

Più informazioni su

VASTO – Il periodo delle feste è caratterizzato da interminabili partite a carte, tombola ed altri giochi, che riuniscono famiglie e gruppi di amici nelle fredde serate invernali. A Vasto, il gioco di carte per eccellenza del periodo di Natale è l’Asinuccio.

Ci racconta questo gioco la signora Antonietta Perrozzi (soprannominata la sartor’) 88 anni, tuttora temuta da tutti i suoi parenti per la sua astuzia in questo gioco.

“Ho giocato le prime volte all’Asinuccio quando avevo 15-16 anni. Mio fratello si era sposato, così andavamo a giocare a carte con i suoi nuovi parenti. L’Asinuccio è un gioco che riunisce tutta la famiglia -continua la signora Antonietta -, non si gioca tanto per vincere soldi (le puntate sono contenute), quanto per stare tutti insieme e divertirsi”.

Come in ogni tradizione che si rispetti, ogni famiglia vastese ha le sue varianti del gioco. Proponiamo qui quella che ci ha elencato la signora Perrozzi.

Il gioco si basa sul principio della briscola, con l’aggiunta delle accuse (combinazioni di carte che danno diritto ad una quota da parte degli altri giocatori). Queste sono:
Re di denari, Asso di denari, coppia di re, coppia di assi, asso e re dello stesso seme, la 15 (una figura e il 5 dello stesso seme), la 17 (una figura e il 7 dello stesso seme), la 20 (due figure dello stesso seme), la frusc’ (le tre carte dello stesso seme), parione (6 e 7 dello stesso seme), scaletta (tre carte consecutive dello stesso seme), terzetta (tre carte dello stesso valore), Napoli (Asso, 2 e 3 dello stesso seme), la 55 (Asso, 6 e 7 dello stesso seme), Scala Reale (donna, cavallo e re dello stesso seme).

Durante lo svolgimento del gioco, il giocatore che non conqusita nessuna delle tre mani, è l’asino, e deve pagare una quota.

I nipoti della signora Antonietta ci rivelano il suo motto, che lei stessa conferma: “Nel rischio c’è il guadagno”, uno spirito sicuramente giovane e agguerrito, a dispetto degli 88 anni ben portati, che porta allegria e divertimento durante le giocate in famiglia.

Giuseppe Ritucci

Nella Galleria fotografica le immagini di una partita all’Asinuccio a casa La Verghetta.

Più informazioni su