vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assegno falso per comprare l'auto, denunciata ventiseienne

Più informazioni su

VASTO – Compra l’auto da una vastese, ma paga con un assegno scoperto e, così, nei suoi confronti scatta l’ennesima denuncia per truffa.

Gli agenti del Commissariato di Vasto hanno scoperto il raggiro di cui si era resa protagonista D.L.M., 26 anni, pescarese, “che aveva messo a segno diverse truffe, sempre con lo stesso modus operandi”, racconta il vice questore Cesare Ciammaichella.

La vicenda. Tutto inizia dalla messa in vendita di una macchina su internet. “La signora – è la ricostruzione dei fatti operata dagli investigatori – trova subito una persona interessata all’acquisto dell’auto. Venditrice e acquirente stabiliscono un incontro in via Conti Ricci, nei pressi del terminal bus, dove la truffatrice si reca accompagnata da un uomo che presenta come suo padre, tanto per rendere più veritiera la situazione”.

Le due donne si accordano sul prezzo: 11mila euro. Tutto viene regolarizzato “davanti a un notaio. L’aquirente – spiega Ciammaichella – paga con un assegno intestato a un istituto bancario di Pordenone, ricevendo in consegna la vettura”. Ma quando la donna va all’ufficio postale per versare l’assegno, l’impiegato le dice che “risulta collegato a un conto corrente chiuso ormai da diversi anni”.

A quel punto, alla sfortunata protagonista della vicenda non resta che sporgere denuncia. La ventiseienne pescarese è accusata di truffa. “Per l’autovettura – dice il dirigente del Commissariato di via Bachelet – è stato richiesto il sequestro, mentre per l’assegno sono in corso ulteriori indagini, volte ad accertarne la provenienza, in considerazione del fatto che tipograficamente risulta legalmente realizzato, benché utilizzato in maniera illecita”.

micheledannunzio@vastoweb.com 

Più informazioni su