vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Bar al PalaBcc, Spadaccini replica: "Sono pronto a mostrare le carte"

Più informazioni su

VASTO – “Mettiamo le carte a disposizione di tutti. L’ho anche scritto in una lettera inviata alle 230 famiglie di ragazzi e bambini iscritti alla nostra associazione sportiva. Ho fatto diverse copie dei documenti, dal primo all’ultimo: dimostrano che è tutto regolare”. Giancarlo Spadaccini sfida i detrattori. Il presidente della Vasto Basket replica alle polemiche sulla costruzione di un bar su uno dei due terrazzi anteriori del PalaBcc, il palazzetto dello sport di via Conti Ricci. “Nel 2006 – aggiunge il numero uno della società cestistica, intervistato da Vastoweb – il Comune ha autorizzato il comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo a utilizzare i due terrazzi antistanti il PalaBcc per realizzare un bar e una sala conferenze, che non sono stati costruiti. Successivamente, abbiamo vinto la gara d’appalto e poi chiesto e ottenuto dal Comune il via libera a fare il punto di ristoro. La cifra prevista nei documenti dell’amministrazione era pari a 197mila euro. Nel frattempo, però, i costi erano lievitati fino a 240mila euro, che ho finanziato con soldi miei, chiedendo e ottenendo un prolungamento fino a vent’anni della gestione del palasport, in modo da cercare di recuperare i fondi investiti”.

L’interrogazione. La questione è stata sollevata nelle scorse settimane da Alessandro La Verghetta, capogruppo di Alleanza per l’Italia in Consiglio comunale. Nell’interrogazione rivolta al sindaco, Luciano Lapenna, e discussa nella seduta di oggi, l’esponente del partito di Rutelli voleva sapere “con quali criteri è passato – si legge nel documento – un aumento di volumetria dell’immobile”, cioè il palasport, “con interventi finanziari del privato (197mila euro), che superano di gran lunga il limite imposto dal contratto (20mila euro), con violazione – ha affermato La Verghetta – delle norme” previste “all’articolo 23 dello stesso regolamento di gestione del PalaBcc”. Il consigliere comunale di ApI ha chiesto al primo cittadino di specificare “la destinazione finale del bar, ovvero se sia anche pub ristorante, e in base a quale concessione”, oltre che con “quale gara d’appalto ne viene affidata la gestione”. In Consiglio, La Verghetta ha precisato che non è in discussione il buon lavoro svolto dalla Vasto Basket nella gestione dell’impianto di via Conti Ricci.

La replica. “Abbiamo chiesto – risponde Spadaccini – una regolare licenza, rilasciata dal Comune come per qualsiasi altra attività” di somministrazione di bevande e alimenti. “Il Comune di Vasto – ha detto Lapenna in aula – doveva avere dal comitato Giochi del Mediterraneo 197mila euro per realizzare quella struttura, ma non li ha ottenuti. I lavori si sono resi indispensabili perché nel PalaBcc si infiltrava la pioggia. Il privato ha presentato nel pieno rispetto di bando e convenzione una richiesta di realizzare il bar in cambio del prolungamento della convenzione. Abbiamo detto di sì. Visto che della vicenda è stata interessata anche la Finanza, all’autorità giudiziaria andrò a riferire questo che ho detto”.

“Non sono soddisfatto”, ha detto La Verghetta al termine della replica del sindaco. Le posizioni rimangono distanti.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su