vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Bilancio fine anno, Lapenna: "Con o senza di me andare avanti"/Video

Più informazioni su

VASTO – “E’ vero che si può fare di più. Ma più di questo nel 2010 non si poteva fare. Sono soddisfatto di questo lavoro e sono convinto che la città sia soddisfatta, perché i cittadini si rendono conto delle difficoltà che incontriamo, con Governo nazionale che un giorno sì e un giorno no bacchetta gli enti locali” con “tagli pesanti”. Sono le parole con cui Luciano Lapenna, sindaco di Vasto, ha concluso la consueta conferenza di fine anno tenuta nell’aula consiliare Vennitti del municipio per tracciare un bilancio dell’attività svolta in questi 12 mesi dall’amministrazione di centrosinistra. “Il 2011, in base agli annunci romani, sarà un anno duro per le amministrazioni locali. Vasto perderà 860mila euro: i finanziamenti statali scenderanno da 7 milioni a poco più di 6. Come può un Comune come il nostro, che trasferisce ogni anno allo Stato 70 milioni di euro di Irpef”, imposta sul reddito delle persone fisiche, “poi ricevere solo 6 milioni dallo Stato?”.

Nel finale della lunga conferenza di fine anno sono intervenuti, riassumendo il lavoro svolto dai rispettivi settori di competenza, gli assessori Vincenzo Sputore, Domenico Molino, Marco Marra, Anna Suriani, Nicola Tiberio e Lina Marchesani. Il presidente del Consiglio comunale, Peppino Forte, ha ricordato che l’assemblea civica nel 2010 si è riunita 21 volte, approvando 141 delibere.

Il bilancio. Lapenna ha rivendicato le iniziative della sua amministrazione, elencandole. Si è soffermato su alcuni interventi: parcheggio multipiano di via Foscolo, la realizzazione di via Alborato, che ha dotato di una strada centrale uno dei quartieri a maggiore espansione edilizia sorti nell’ultimo decennio in città; la pista ciclabile di Vasto Marina e quella di contrada Lebba (quest’ultima ancora da inaugurare); la raccolta differenziata che coinvolge 13mila cittadini, e “a fine gennaio verrà estesa fino ad arrivare a 33mila utenti”; il rifacimento degli asfalti in zone rurali, mentre Sputore ha annunciato che lo stesso avverrà per via del Porto, altra area in cui la città si espande di continuo; la metanizzazione di località Colle Pizzuto, via Fonte Ioanna, via Salamastra e le traverse di località Incoronata; i lavori di ristrutturazione di alcune stanze di Palazzo D’Avalos e quelli che partiranno a gennaio per la realizzazione della nuova strada di località Trave, un’alternativa per raggiungere la riviera.

Il futuro. L’obiettivo è far approdare a gennaio in Consiglio comunale il Piano di recupero del centro storico e il Piano spiaggia. Per il primo, Lapenna ha annunciato che sono state presentate circa 20 osservazioni, proposte di modifica avanzate dai cittadini. Nelle prime settimane del 2011, il programma relativo alla città antica con le richieste di modifica “passerà di nuovo al professor Cervellati”, l’urbanista che lo ha redatto , poi in commissione Assetto del territorio, quindi in Consiglio comunale, dove a gennaio dovrebbe arrivare, dopo un’attesa di quattro anni, anche il Piano spiaggia, che “ha ricevuto l’ok del Genio civile”.

micheledannunzio@vastoweb.com


Più informazioni su