vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Le testimonianze: "A Capodanno vandalismo e disordini in centro"

Più informazioni su

VASTO – Vandali in azione anche a Capodanno. Cassonetti dell’immondizia rovesciati o spostati in mezzo alla strada a Vasto Marina e in altre zone della città, mentre giungono svariate segnalazioni dai residenti del centro storico, dove le testimonianze raccontano di schiamazzi e disordini, con l’intervento di una volante della polizia nell’area di piazza Caprioli. Un’abitazione di rumeni avrebbe subito dei danni. “La pattuglia è intervenuta, ma non si può parlare di rissa, anche perché abbiamo verificato che al Pronto soccorso non si è recato alcun ferito”, dice il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del Commissariato di Vasto.

“Ma bastano anche piccole avvisaglie per far comprendere che non c’è tranquillità nella città antica. Mi auguro che il detto anno nuovo, vita nuova valga anche a Vasto e si affronti seriamente il problema”, commenta Alfredo Bontempo, segretario dell’Italia dei valori. Intanto Ivo Menna, candidato sindaco della lista civica La Nuova Terra, annuncia per domani, alle 11, una conferenza stampa per parlare della questione.

Si spera che l’installazione della videosorveglianza, attesa già da qualche anno e ora entrata nella fase della progettazione, possa fungere da deterrente. Anche per gli atti di vandalismo. Per ora è solo una speranza, anche perché a Capodanno più di qualcuno non ha resistito alla tentazione di mettere mano, ad esempio, ai contenitori dell’immondizia.

I vandali. Gli atti di vandalismo che si verificano a Vasto con sempre maggiore frequenza non sono estemporanei. Molti di questi sono raid attuati deliberatamente. Lo sostiene il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna: “Sono bande organizzate che li compiono, non atti teppistici del singolo”. Il Comune spende 150mila euro l’anno per riparare i danni, ma nel 2010 il numero delle spedizioni vandaliche ha superato di diverse decine di episodi la quota 300 raggiunta nel 2009. Un problema che incide non solo sul decoro urbano, ma avrà effetti anche sulle casse municipali. E, di conseguenza, sulle tasche dei cittadini.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su