vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Fronte dei moderali, ApV mette i paletti: "Candidato sindaco centrista"

Più informazioni su

VASTO – “Il fronte dei moderati” deve essere “guidato da un candidato moderato”. Alleanza per Vasto mette i paletti sulla strada che porta all’alleanza col Pdl. Quasi a dire: siamo disposti a unirci a voi e a Desiati, purché il candidato sindaco sia Nicola Del Prete. ApV, che va a braccetto con Alleanza per l’Italia, dà per scontato l’accordo con l’Udc, visto che a Roma il partito di Rutelli e quello di Casini stanno per sancire ufficialmente l’intesa in vista delle prossime amministrative. Insieme in tutta Italia e, di conseguenza, anche a Vasto. Per unire tutti coloro che si oppongono all’amministrazione Lapenna e al centrosinistra, però, serviranno almeno due passi indietro. Uno del Pdl. L’altro di Massimo Desiati, l’ex assessore regionale che è tornato alla politica attiva ed è ufficialmente in corsa per la poltrona più importante del municipio.

Alleanza per Vasto non accetterebbe lui come leader di una coalizione ancora tutta da costruire. Lo considera espressione della destra, per via della sua lunga militanza prima nell’Msi, poi in An. Non sarebbe sufficiente porsi oggi, senza tessere di partito, come trasversale.

“Moderati si nasce. Lo si può anche diventare, ma non tra Natale e Capodanno”, afferma Davide D’Alessandro, coordinatore di ApV, che analizza “le parole dell’assessore regionale Mauro Febbo, di un Pdl disposto a rinunciare al candidato sindaco pur di aprirsi ai possibili alleati e vincere al primo turno come a Chieti l’anno scorso, evidenziano l’idea di un progetto pensato, ancor prima di essere realizzato”.

La pregiudiziale per stringere alleanze con il centrodestra è che “il fronte dei moderati” dovrà essere “guidato da un candidato moderato”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su