vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La Provincia: "Fusione di tre scuole, nessun disagio" /Video

Più informazioni su

VASTO – E’ il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, ad introdurre la conferenza stampa in cui si fa luce sulla vicenda della creazione del nuovo polo scolastico, che unirà il Liceo Classico, il Liceo Artistico, il Liceo delle Scienze Umane e il Liceo Linguistico. Poi la parola passa all’assesssore all’istruzione, Mauro Petrucci, che ricostruisce la vicenda, senza risparmiare critiche al sindaco di Vasto Lapenna e ai consiglieri provinciali di centrosinistra, per quanto affermato nella conferenza stampa di ieri.

“Sono dispiaciuto per quanto affermato ieri dai consiglieri del centrosinistra e dal sindaco. Hanno fornito una visione dei fatti che non corrisponde a realtà. Il piano di dimensionamento degli istituti scolastici viene dettato dall’Ufficio scolastico regionale, che non è un organo politico.

Secondo il dpr 233 del 2009, gli istituti devono avere un minimo di 500 alunni, per avere la dirigenza. Nel caso del Liceo Pudente non è così. Nonostante questo, la provincia, aveva dato il parere positivo perchè sia il Pudente che il Pantini, conservassero la propria autonomia. E’ stato l’Ufficio scolastico regionale a non tenere in considerazione quanto da noi espresso ed esprimersi per l’accorpamento dei due istituti.

E’ da sottolineare, che proprio per il piano di riordino, nel prossimo anno si avranno 26 dirigenze in meno nella regione Abruzzo. Di queste 6 sono nella nostra provincia. Anche Lanciano e Chieti hanno perso una dirigenza.

Alle obiezioni sollevate per i due nuovi indirizzi istituiti, il Liceo musicale e Lanciano risponde all’esigenza di porlo in maniera centrale rispetto al territorio provinciale, mentre il Liceo coreutico si appoggerà alle strutture e alle attività del Teatro Marrucino di Chieti.

Tornando alla questione delle due scuole vastesi, posso assicurare che gli studenti non subiranno alcun tipo di disagio. La differenza sarà che ci saranno una sola presidenza e una segreteria invece delle due attuali”.

A conclusione di conferenza stampa l’intervento di Etelwardo Sigismondi, consigliere comunale e provinciale. “Ieri è stato detto che noi consiglieri di centrodestra non siamo intervenuti alla conferenza stampa perchè non volevamo. Rispondo che gli incontri vanno confermati. Non ci è giunta nessuna convocazione ufficiale, altrimenti saremmo venuti volentieri per raccontare come stanno le cose. Lo abbiamo fatto oggi, con chiarezza, per dimostrare come in questa vicenda la Provincia di Chieti si sia comportata correttamente”.

Giuseppe Ritucci

Servizio di Giuseppe Ritucci. Riprese e montaggio di Emanuele La Verghetta

Più informazioni su