vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incendi dolosi, bruciata l'auto della moglie di un carabiniere

Più informazioni su

VASTO – Indagano i carabinieri sul nuovo incendio d’auto verificatosi stanotte a Vasto, in via Alborato, nel quartiere sorto negli ultimi anni ai margini della circonvallazione Istoniense. Distrutta la parte anteriore della vettura, la Citroen C3 di A.A., la moglie 45enne di un brigadiere dei carabinieri in servizio nel Nucleo operativo della caserma di piazza Dalla Chiesa. E’ il settore che svolge le indagini. La pista più probabile sembra, quindi, quella della ritorsione. Il propagarsi delle fiamme ha causato danni anche alla vettura parcheggiata lì vicino, di proprietà di un’impiegata delle Poste.

L’automobile era parcheggiata ai margini della strada. Ieri sera, attorno alle 23.30, la chiamata al 115. I vigili del fuoco hanno spento il rogo ma, per ora, non si sbilanciano sulle cause, non avendo trovato tracce di liquido infiammabile. “Abbiamo sequestrato la macchina e avviato le indagini”, dice il capitano della Compagnia di Vasto, Giuseppe Loschiavo. Gli investigatori sospettano fortemente che si tratti dell’ennesimo rogo doloso. Temono si inneschi un pericoloso effetto emulazione, come quello che, tre anni fa, provocò una lunga serie di incendi d’auto.

Proprio ieri a Vasto si era tenuta la riunione straordinaria del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza. Domenica sera, sempre alla stessa ora, le 23.30, in via Ettore Ianni (la traversa di via Conti Ricci da cui si accede all’ingresso secondario del Liceo classico) le fiamme erano state appiccate alla Ford C Max di Peppino Forte, presidente del Consiglio comunale. Gli investigatori, però, escludono che i due episodi accaduti nel giro di tre giorni possano essere collegati tra loro. Nel Vastese è il terzo, inquietante incendio sospetto dall’inizio del 2011: nella notte tra Capodanno e il 2 gennaio, infatti, è andata a fuoco a San Salvo la Renault Megane Cabrio di D.M., 67 anni, titolare del bar L’Angolo Rainbow di San Salvo Marina, dove il 7 novembre 2010 le fiamme erano state appiccate all’ingresso del locale.

Il 12 dicembre i residenti di via Alborato avevano protestato, raccontando di furti di rame e di un incendio doloso nel cantiere in cui è in costruzione la nuova chiesa di Santa Maria del Sabato Santo, ma anche di frequenti atti di vandalismo. Il quartiere era al buio da una settimana. Subito dopo la protesta dei cittadini Enel Sole aveva riattivato la pubblica illuminazione.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su