vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Forte ha fatto copia e incolla da un discorso di Schifani"

Più informazioni su

VASTO – Alzi la mano chi non ha mai fatto copia e incolla. Oppure, a scuola, non ha dato una sbirciatina al compito in classe del vicino di banco. Ma il copia e incolla può anche diventare una questione politica. Dalle nostre parti è già accaduto. E ora succede di nuovo.

“Un fenomeno di telepatia originale si è verificato tra Vasto e Roma. L’originalità consiste nel fatto che la telepatia si è verificata a distanza di mesi: il pensiero elaborato a Roma il 16 febbraio 2010 e’ arrivato a Vasto il 27 novembre 2010”. E’ con un commento ironico che http://www.semidiceviprima.it/, il sito che fa le pulci alla politica vastese, segnala ampi stralci identici di due discorsi pronunciati da politici di diverso schieramento.

Il primo è Renato Schifani, presidente del Senato. Il secondo è Peppino Forte, presidente del Consiglio comunale di Vasto. Tema: la sicurezza.

Il 16 febbraio è stato il giorno in cui Schifani ha partecipato a un convegno su “Sicurezza nelle città per un Paese più vivibile”, tenutosi nella capitale su iniziativa dell’Anci, associazione nazionale dei comuni italiani. Il 27 novembre è stato, invece, il giorno del Consiglio comunale di Vasto sulla questione sicurezza. Secondo semidiceviprima, che mette in confronto i due testi, il presidente dell’assemblea civica ha ceduto alla tentazione di fare copia e incolla. La pubblicazione del documento del presidente del Senato e di quello rinvenuto sul sito internet del Comune di Vasto era stata annunciata già domenica sera dal sito gestito da Gabriele Cerulli e Giovanni Spinelli. Ma quest’ultimo è uno pseudonimo.

Cosa che del resto a Vasto era già accaduta altre due volte negli ultimi cinque anni. La prima nel 2006. Era il primo luglio, quando si insediava l’amministrazione Lapenna e il sindaco, nella seduta solenne, pronunciava il discorso d’insediamento con le dichiarazioni programmatiche. Lì per lì nessuno si accorse che c’erano sospette analogie con il discorso del suo collega di San Benedetto del Tronto, Giovanni Gaspari, che lo aveva pronunciato il 18 giugno, due settimane prima, perché era stato eletto al primo turno. Fu “Polis”, il giornale gratuito di Davide D’Alessandro (ora coordinatore di Alleanza per Vasto), a pubblicare per primo la notizia. Il sindaco si era giustificato dicendo che “non si può estrapolare la singola frase dal discorso. C’è un programma elettorale votato dai cittadini e il discorso d’insediamento è costruito su quel programma.

Nel 2009 la tentazione del copia e incolla era tornata a colpire: il protocollo del ventennale del gemellaggio tra Vasto e Perth era in buona parte identico a quello del gemellaggio tra Venezia e Istanbul.

Questo il link per leggere l’articolo di semidiceviprima: http://semidiceviprima.com/?p=10877

Più informazioni su