vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Golden lady: a rischio 390 posti di lavoro, le soluzioni per salvarla

Più informazioni su

GISSI – E’ la green economy la soluzione per salvare il posto ai 391 lavoratori della Golden Lady di Gissi. Lo stabilimento della Val Sinello rischia la chiusura. Con la cassa integrazione straordinaria in via di esaurimento, è sempre più cupo il futuro dei dipendenti dello stabilimento abruzzese dell’azienda di Castiglione delle Stiviere. La proprietà  vuole chiudere. Le ipotesi che si affacciano all’orizzonte sono due. La prima è la totale riconversione dello sito, che diventerebbe un centro commerciale. L’altra è contenuta in un progetto, che per ora rimane top secret, presentato da un’impresa della zona. Sarebbe intenzionata a rilevare lo stabilimento di contrada Terzi per trasformarlo radicalmente in un’azienda dell’economia verde, con produzioni ed energia a basso impatto ambientale.

Per i sindacati, che puntano al riassorbimento della manodopera, in gran parte femminile, è meglio la seconda ipotesi. In attesa dell’incontro decisivo con l’azienda, in programma il 25 gennaio nella sede di Vasto di Confindustria, la Cgil si schiera apertamente: “Se proprio di deve arrivare alla chiusura e a una riconversione, chiediamo venga mantenuta la natura industriale dello stabilimento”, dice Giuseppe Rucci, segretario provinciale della Filctem-Cgil.

Intanto, il Pd, attraverso il capogruppo in Consiglio provinciale, chiede al presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, di riunire immediatamente la Consulta dell’economia e del lavoro, perché “non è più rinviabile – dice Camillo D’Amico – la convocazione urgente dell’organismo” di settore per verificare le soluzioni in grado di scongiurare la perdita di quasi 400 posti di lavoro.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su