vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Verso le elezioni. Lembo scrive al Pd:"Non facciamoci male da soli"

Più informazioni su

VASTO – “Stiamo cercando di arrivare ad un punto di non ritorno e di riconsegnare la città al passato”. Il grido d’allarme è rivolto al Pd. A lanciarlo è Simone Lembo, che del Partito democratico è consigliere comunale.

Il comunicato. Questo il testo del documento diramato da Lembo:

“Stiamo rischiando di arrivare ad un punto di non ritorno e di riconsegnare la città al passato.
Mentre alcuni, in primis il sindaco Lapenna, cercano di discutere sulle diverse posizioni emerse nel partito e con la coalizione, altri rischiano di mandare tutto in frantumi.

I partiti della coalizione da tempo sono pronti a discutere mentre, invece, il Pd di Vasto è impantanato sulle primarie, utile metodo previsto dal nostro partito, ma appunto, un metodo e non l’unico.

Io penso che le primarie debbano essere vere e condivise da tutta la coalizione, nel caso contrario, diventano un confronto sterile tra diverse aspettative personali, pur legittime, ma incapaci di esprimere un vero progetto di governo per la città.

L’ultimo incontro tenutosi con i dirigenti provinciali e regionali del partito (Sen. Giovanni Legnini, Segretario Reg. Silvio Paolucci, Capogruppo alla Regione Camillo D’Alessandro, Seg. Prov.le Camillo Di Giuseppe, resp.le di Zona Carlo Moro), al quale io personalmente non ho partecipato, comunque a me riferito, mi risulta non avere deciso come scritto nel comunicato stampa diffuso dal segretario cittadino.

Invece è stato dato mandato al sindaco e al segretario, di fare ulteriori incontri con i rappresentanti istituzionali del partito e con le forze politiche della coalizione, per verificare la proposta che meglio possa rappresentare l’unità del partito e della coalizione.

Mi aspetto dal Pd che ci sia una discussione collegiale che coinvolga tutti, per arrivare ad una decisione il più possibile condivisa, come suggerito nel documento di sintesi della assemblea degli iscritti del 19 dicembre scorso, senza ricorrere a raccolta di firme fuori dalle sedi statutariamente deputate a prendere le decisioni.

Penso che i cittadini vastesi si aspettino dalle forze politiche, un confronto su programmi e su idee per il futuro della città e non siano interessati a questa discussione arida, su primarie sì e primarie no che riguarda solo gli addetti ai lavori”.

A cura di Giuseppe Ritucci

Più informazioni su