vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dati sul turismo, Menna (Udc): "La realtà è totalmente diversa"

Più informazioni su

VASTO – “Non comprendiamo affatto l’ottimismo ostentato dall’assessore regionale al Turismo, Mauro Di Dalmazio, relativamente al movimento turistico nella nostra Regione nel 2010”. Antonio Menna, capogruppo Udc al Consiglio regionale, così obietta sulle affermazioni Di Dalmazio diffuse ieri, che raffigurano un quadro positivo, attestando il dato delle presenze turistiche addirittura a 6,2milioni. “La realtà, a nostro avviso, è totalmente diversa da quella descritta, non solo sul piano dei numeri, ma anche sul fronte della qualità delle iniziative e dei progetti, che sono stati carenti e inadeguati alle esigenze del territorio regionale – aggiunge Menna.

“Non comprendiamo, dunque, a quali fonti siano stati attinti i dati numerici sciorinati da Di Dalmazio. Da anni in Abruzzo la promozione del turismo è carente e non produce risultati se non quelli correlati al graduale disimpegno degli organismi pubblici preposti alla promozione, che hanno determinato, semmai, un sensibile calo delle presenze, altro che incremento. Per trovare riscontro a questo dato di fatto oggettivo, basta sentire a campione il parere degli operatori di tutte le varie attività sia balneari che montane, per rendersi conto di quanto siano complessi e numerosi i loro problemi. Malgrado tutto, sono gli operatori i veri artefici del turismo in Abruzzo anche se non godono del giusto sostegno che meriterebbero. Forse – annota Antonio Menna – l’assessore Di Dalmazio ha attinto i dati ad un’altra regione che non è l’Abruzzo, dove il turismo è soggetto al gravame di problemi annosi che ne accentuano i ritardi e lo sviluppo”.

“Forse – conclude il Capogruppo regionale dell’Udc – l’ostentazione dei dati è stata fatta con voluta premeditazione per coprire l’imbarazzo causato dalla vera notizia del giorno, cioè che la Regione Abruzzo non parteciperà all’imminente Bit 2011 non per scelta strategica, ma per mancanza di risorse finanziarie”.

Più informazioni su