vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

WWF: "Porto turistico a Casarza, il Comune appoggi il no"

Più informazioni su

VASTO – Ora i motivi per dire “no” al porto turistico sono messi nero su bianco. Sono state depositate presso l’Ufficio demanio della Capitaneria di porto di Ortona le osservazioni alla richiesta di concessione del tratto di costa necessario, tra le località Trave e Casarza di Vasto, alla realizzazione della struttura da 362 posti barca avanzata dalla società Inporto srl di Termoli.  

Il Wwf ora chiede all’amministrazione comunale di Vasto di appoggiare il fronte dei contrari al porto turistico in quella zona. Anche perché, ha sottolineato Daniele Di Fonzo, comandante della Guardia costiera di Punta Penna, toccherà al Comune convocare la conferenza di servizi in cui tutti gli enti interessati, Regione compresa, discuteranno sull’eventuale via libera al progetto. Gli ambientalisti fanno notare che tra Trave e Casarza si registra “la presenza di 300 specie animali su circa 700 censite in Abruzzo e diverse specie botaniche tutelate di macchia mediterranea”.

“Questo progetto – afferma Ines Palena, presidente del Wwf Zona frentana e Costa teatina – se non verrà fermato, modificherà e devasterà una delle perle della costa vastese. Una perla che dovrebbe essere tutelata da una Riserva Naturale, su cui si dibatte da molti anni, e che dovrebbe essere tra i fiori all’occhiello del futuro Parco Nazionale della Costa Teatina. Un Parco che non può assolutamente coesistere con ulteriori opere di antropizzazione e cementificazione della costa. Occorre, invece, puntare sulla valorizzazione e tutela di un litorale che già soffre gravissimi effetti erosivi. Innumerevoli studi dimostrano che questo fenomeno è accentuato proprio da costruzioni a mare come porti e banchine, che modificano la circolazione delle correnti sottocosta. In quest’ottica appare poi impossibile l’approvazione di un progetto di questa portata in un’area identificata dal Piano Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico (PAI) Regionale come ad alto rischio idrogeologico”.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

 

Più informazioni su