vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rapina coi manganelli, convalidati gli arresti dei due giovani

Più informazioni su

VASTO – Rimangono in carcere in attesa della decisione del Gip sulla richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati difensori M.A. e D.G.I., i due ventiquattrenni arrestati dalla polizia venerdì sera dopo la rapina andata a vuoto e l’aggressione a colpi di manganellate ai danni di un commerciante del centro storico di Vasto. Sono accusati di rapina aggravata in concorso, lesioni personali e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Decisiva ai fini della ricostruzione dei fatti era stata la testimonianza della vittima, N.B., 54 anni, proprietario di un negozio di alimentari in via delle Cisterne. In base alle informazioni acquisite dagli agenti dell’anticrimine e della volante del Commissariato, i giovani, col volto coperto dalle sciarpe e uno anche da un passamontagna, hanno fatto irruzione nell’esercizio commerciale. Uno è rimasto sull’uscio a fare da palo, controllando i movimenti esterni. Entrambi erano armati di bastoni: un manganello e una mazza da baseball. L’altro ha gettato a terra gli scaffali e si è impadronito del cassetto contenente i soldi del registratore di cassa. Ma il negoziante ha reagito. A quel punto, tra il giovane e l’uomo è nata una colluttazione in cui poco dopo è stato coinvolto anche il complice. La vittima è stata colpita in testa e ha riportato contusioni ed ecchimosi anche alle braccia e alle costole.

Dolorante, il commerciante si è rialzato e ha rincorso i rapinatori che, impauriti, hanno lasciato cadere il cassetto coi soldi e si sono dileguati nelle stradine del centro. Poi la polizia li ha ritrovati, dopo aver mostrato al 54enne alcune foto segnaletiche. In una di queste, l’uomo ha riconosciuto uno degli aggressori, che poi avrebbero collaborato con la polizia, che ha sequestrato mazze e passamontagna.

Stamani l’udienza di convalida, in cui i legali dei due ragazzi, Elisa Pastorelli e Gabriele D’Ugo, hanno chiesto la scarcerazione o, in subordine, la concessione degli arresti domiciliari. Gli accusati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su