vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Golden Lady e manutentori Pilkington, le possibili soluzioni per 400

Più informazioni su

VASTO – Sono 391 lavoratori della Golden Lady di Gissi e 12 manutentori ex Cesi che lavorano alla Pilkington di San Salvo. Per loro è stato un brutto inizio anno. Ora si cercano le soluzioni per evitare che oltre 400 persone perdano il posto.

Golden Lady. Si è riunita ieri la consulta provinciale dell’economia e del lavoro, organismo creato dalla Provincia di Chieti per risolvere le vertenze. Si è parlato della situazione occupazionale in Val Sinello e della necessità di mettere in campo tutte le forze, con il sostegno delle istituzioni, per salvare il salvabile. Non c’erano, però, rappresentanti della società di Castiglione delle Stiviere. I sindacati ribadiscono il loro “no” a trasformare la Golden Lady in un centro commerciale. “Se è un’azienda da riconvertire, va fatta una riconversione seria. Industriale, non commerciale”, afferma Giuseppe Rucci, segretario provinciale della Filctem-Cgil.

Fissata la data del prossimo incontro sindacati-azienda. Si svolgerà lunedì 12 febbraio a Pescara, nella sede della Regione Abruzzo. E’ lì che si deciderà sugli 8 mesi di cassa integrazione straordinaria in deroga che dovranno accompagnare i lavoratori verso la procedura di riconversione, visto che l’azienda di Castiglione delle Stiviere ha ribadito la volontà di chiudere lo stabilimento. Oggi a Gissi l’impresa che ha presentato il progetto di trasformare la fabbrica di calze da donna in un’azienda della green economy, nel campo dell’energia pulita, lo illustrerà all’amministrazione comunale. E’ la soluzione che i rappresentanti sindacali preferiscono.

Manutentori Pilkington. Si apre uno spiraglio nella trattativa che riguarda i 12 lavoratori ex Cesi che non sono stati riassorbiti dalla nuova società. “Pilkington sta lavorando – spiega Emilio Di Cola, della segreteria provinciale Filctem-Cgil – per trovare una soluzione definitiva. I 4 lavoratori impiegati alle batterie verranno assunti dalla Marini di Pescara, la società che aveva subappaltato alla Cesi le manutenzioni Pilkington. Due operai hanno trovato una soluzione diversa, altri 3 sono stati già assorbiti dalle ditte  Omnia e Cimit. In settimana si dovrebbe trovare una soluzione per i restanti 5, 2 dei quali andranno in sostituzione di coloro che hanno trovato una soluzione lavorativa diversa”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su