vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vita universitaria/1. Enzo Savelli, studente e velista di successo

Più informazioni su

VASTO – Scriviamo Vasto, ma dovremmo scrivere Italia (e non solo). Il viaggio che parte oggi, con questo nuovo appuntamenteo di Vastoweb, ci porterà in giro per conoscere la vita degli studenti universitari fuorisede. Sarà uno spazio in cui potranno raccontare della loro esperienza lontano da casa, in un momento importante come quello dell’università. Ovviamente, non possiamo conoscere tutti i ragazzi e le ragazze che studiano lontano da casa. Per questo, chiunque volesse raccontare la propria esperienza, può scriverci all’indirizzo giusepperitucci@yahoo.it.

Quando si parte con un nuovo spazio è sempre difficile iniziare. Abbiamo scelto un ragazzo che studia a Milano, Enzo Savelli, 21 anni.

Cosa studi?Perchè questa scelta?
Studio ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano. Ho fatto questa scelta seguendo quelle che erano le mie passioni del Liceo, la matematica e la fisica.

In base a quali criteri hai scelto la sede universitaria?
Diciamo che la scelta di Milano come sede di studio è stata molto particolare: durante l’ultimo anno di liceo dopo vari incontri di orientamento la mia scelta era ricaduta sull’università Bocconi di Milano molto rinomata come università di economia. Quindi sono venuto qui a fare i test ,sono stato preso e mi sono innamorato della città. Sappiamo però che la mente umana è molto contorta e dopo una serie di vicende sono finito al Politecnico e se devo dire la verità ne sono molto felice perché sto studiando qualcosa che mi piace veramente tanto.

Sei un velista di ottimo livello. Come fai a stare lontano dal mare?
Sicuramente la più grande carenza nella mia vita qui a Milano è proprio il mare. Sono cresciuto al mare e nel mare ed ora faccio veramente fatica a svegliarmi la mattina e non vedere quella bellissima distesa blu. Putroppo però nella vita bisogna fare delle scelte e le mie mi hanno portato lontano dal mare. Nonostante questo, appena posso, continuo a praticare la vela, sono anche nella squadra universitaria.

Com’è il tuo rapporto con la vita milanese?
Difficilmente si può avere un rapporto difficile con la vita milanese! Si ha tutto quello di cui si può avere bisogno a portata di mano. C’è il pub sotto casa in cui prenderti una birra con gli amici la sera e ci sono tantissimi locali in cui andare a fare seratone di quelle memorabili. A buon intenditor poche parole!

Ogni quanto ritorni a casa?
Questa è una nota un po’ dolente, in quanto a causa dei numerosi impegni universitari sono rare le volte durante l’anno, ad eccezione delle festività più importanti, in cui riesco a prendermi una pausa per fare un salto a Vasto e infatti mamma e papà mi reclamano a gran voce.

Come ci si ricrea un nuovo giro di amici?
Fare nuove amicizie per me che sono abituato a viaggiare molto e conoscere sempre persone nuove è la cosa più bella e naturale che ci sia al mondo. Naturalmente non è mai facile integrarsi in una realtà completamente diversa dalla realtà vastese ma nonostante tutto noi “terroni” siamo molto simpatici e riusciamo a farci volere bene.

Come mantieni i contatti con la tua città?
Essermi creato una nuova vita qui a Milano non ha comportato la totale cancellazione della mia vita vastese. Mi sento costantemente con tutti i miei amici del liceo, che poi alla fine sono le persone con cui sono cresciuto e quindi difficili da dimenticare e ogni volta che ci si incontra tutti  a Vasto è sempre una gran festa.

Giuseppe Ritucci – giusepperitucci@yahoo.it

Più informazioni su