vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Acqua, in bolletta aumenti del 20%. Le proteste degli utenti

Più informazioni su

VASTO – L’acqua è un bene prezioso, anzi, è il più prezioso dei beni, visto che senza acqua non c’è vita e, proprio per questo motivo, l’acqua merita rispetto e “chiarezza”. In questi giorni ci è stata inoltrata dalla Sasi la bolletta per la fornitura idrica ricevuta e abbiamo potuto verificare che in bolletta, accanto alle tre voci standard “distribuzione idrica”, “fognatura” e “depurazione”, compare l’ulteriore voce “incremento 20% fogna/depurazione ex art. 141 L. 388/2000”. Che sarà mai questo incremento del 20%? Di quale imposta si sta parlando? Tale voce fu inclusa alcuni anni fa (in conformità con il quadro normativo vigente) per finanziare opere primarie nella rete fognaria.

L’Ato contrasse un mutuo di 5.849.230,83 euro, che fu versato e utilizzato dalla Sasi per la realizzazione delle opere previste. L’incremento tariffario del 20%, però, ha generato dal 2003 al 2009 complessivi 6.816.587,36 euro. La differenza pari a 967.356,53 euro ha coperto integralmente gli interessi maturati nel periodo 2003-2009 ed ha generato una plusvalenza non prevista dalla normativa. Perché, dunque, tale voce continua ad essere inclusa nella bolletta?

Non è che si sta chiedendo ai cittadini di continuare a pagare un’opera finanziata e completata per generare altra “cassa” da utilizzare per investimenti non ancora definiti ed approvati? Se così fosse, non ci risulta che esista alcun motivo perché i cittadini debbano pagare in anticipo delle somme per eventuali investimenti nel settore fognario-depurativo. E’ lecito ipotizzare, dunque, che si tratti di un’imposta non dovuta? Se così non fosse, qualcuno ci smentisca subito, altrimenti è altrettanto lecito che i cittadini interpellino le associazioni dei consumatori per valutare se è opportuno pagare le recenti bollette ricevute e/o intraprendere una class action.

Paola Cerella

Più informazioni su