vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Argirò: "Incontro a Roma coi vertici del Pdl, non sono soddisfatto"

Più informazioni su

VASTO – “Quello di Roma è stato un incontro interlocutorio che non mi ha soddisfatto”. Nicola Argirò non ha ancora deciso se rimanere nel Pdl o cedere alle sirene dei finiani di Futuro e libertà o a quelle dell’Udc.

“Mi sto guardando attorno – dichiara il consigliere regionale – continuando a consultare il mio elettorato. Molti mi chiedono di restare nel Pdl e di continuare a fare la battaglia da dentro”, dice l’imprenditore che per settimane nel totorimpasto sembrava in cima alla lista dei futuri assessori regionali e poi è stato scavalcato da Luigi De Fanis, di Montazzoli.

I problemi. Nella capitale, Argirò ha incontrato Gaetano Quagliariello, vice capogruppo al Senato. A lui ha illustrato le due questioni già poste alla dirigenza abruzzese del partito di Berlusconi: nel governo regionale manca una rappresentanza del Vastese (“Dopo che il mio nome era stato sbattuto sui giornali, avrei preferito mi venisse detto in faccia: la scelta ricadrà su un altro”) e la mancata realizzazione di “tre opere pubbliche fondamentali per questa zona: la rete ferroviaria che colleghi il porto di Punta Penna con le zone industriali di Vasto e San Salvo, il nuovo ospedale e l’arretramento della Statale 16. Tutte infrastrutture che il presidente della Regione, Gianni Chiodi, aveva promesso a ottobre del 2009 in un convegno a Palazzo D’Avalos”. Nessuna delle tre è stata avviata, né sono stati ufficializzati significativi passi in avanti nell’iter amministrativo.

Il consigliere regionale sansalvese ha chiesto anche un riequilibrio nella rappresentanza all’interno del partito, ritenendo che, nel Pdl, gli ex An abbiano fatto la parte del leone. Dunque Argirò, oltre al problema opere pubbliche, ha sollevato anche quello del ruolo degli ex Forza Italia. Ma Roma è stata categorica: il coordinamento provinciale di Chieti rimane a Febbo. “Contatti con Fli e Udc ce ne sono stati. Siamo a livello di chiacchierate informali. Sono in una fase di riflessione”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su