vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pd, la notte dei lunghi coltelli. Molino: "Con Lapenna troppo a sinistra"

Più informazioni su

VASTO – Le primarie si devono fare per “tornare a coinvolgere molte persone dissociatesi negli ultimi anni. Persone che abbiamo smarrito sull’altare della lealtà al dimissionario sindaco Lapenna”. Per dare voce ai vastesi, che non si sentono rappresentati dallo scivolamento del Pd verso la sinistra radicale.

Domenico Molino affida a una mail diramata nella tarda mattinata la risposta alle polemiche di questi giorni e l’appello a ricucire i rapporti tra primaristi e lapenniani.

Ma nel Pd la notte dei lunghi coltelli non è finita.

“Quello che sta succedendo è davvero incomprensibile. La mia fedeltà al Partito democratico e alle sue regole non sono mai messe in discussione né da me né dal gruppo che sostiene Peppino Forte quando non eravamo d’accordo”, afferma l’ormai ex assessore della Giunta azzerata dopo le dimissioni del primo cittadino.

La frecciata. A Lapenna, che ha parlato di tradimento ordito nei suoi confronti, Molino risponde che “il nostro partito ha uno statuto al quale ci siamo attenuti e che prevede uno strumento di partecipazione popolare quale le primarie. Svolgere le primarie nella nostra città a viso aperto, con lealtà ci permetterà di tornare a coinvolgere molte persone dissociatesi negli ultimi anni e che abbiamo smarrito sull’altare della lealtà al dimissionario sindaco Lapenna”.

I moderati. Secondo il candidato che si è ritirato dalle primarie all’ultimo giorno, annunciando poi il sostegno a Forte, c’è stata “una scarsa attenzione dei moderati, nonostante rappresentino la stragrande maggioranza dell’elettorato del Partito democratico di Vasto. Cinque anni fa la lista di Peppino Forte prese circa cinquemila voti cosi come la lista dell’allora Margherita. Un esercito di cittadini vastesi , lo stesso che ci ha chiesto di impegnarci nelle primarie e che ritiene di appartenere al Pd e non ad un partito di estrema sinistra, che non vuole riconsegnare la città alle destre ma ribadire la partecipazione  e misurarsi dinanzi alla città sostenendo Forte”.

La promessa. “Ci siamo impegnati a sostenere che vince in caso di sconfitta di Forte”, promette Molino. 

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su