vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Acqua, in arrivo gli accertamenti della Sasi per risanare i conti

Più informazioni su

VASTO – Per sanare i debiti della Sasi bisognerà recuperare 20 milioni di euro di morosità. A tanto ammontano le bollette non pagate all’ente che ha sede a Lanciano e gestisce il servizio idrico il 92 Comuni su 104 della Provincia di Chieti. Il primo obiettivo dell’attuale dirigenza è quello di sanare i conti in rosso attraverso una riorganizzazione interna del lavoro e un piano economico finanziario triennale, che permetterà di gestire in maniera seria e responsabile anche il problema delle morosità.    “Auspichiamo l’approvazione di un nuovo piano d’ambito e ci apprestiamo a fare il primo passo verso una gestione oculata e trasparente delle nostre risorse. Stiamo avviando un serio piano di recupero delle morosità e siamo pronti a rendere pubblico il nostro bilancio attraverso un reportig gestionale dettagliato che sarà consultabile sul nostro sito internet”, ha spiegato  il presidente Domenico Scutti.  Tra le novità che nei prossimi mesi toccheranno direttamente i cittadini, c’è sicuramente il cambiamento del sistema di fatturazione. Le bollette infatti non saranno più annuali ma avranno una cadenza trimestrale e semestrale. Un cambiamento pensato nell’interesse dei cittadini della provincia serviti da Sasi, sopratutto di quelle persone con situazioni economiche difficili, che permetterà di diluire la spesa di fornitura nell’arco dell’anno. Sul tema degli impianti invece, l’azienda sta lavorando per mettere a punto un programma di controllo nei punti più critici dell’intero sistema di tubature e degli impianti di depurazione, per evitare il più possibile interventi d’urgenza che purtroppo creano gravi disservizi e un notevole dispendio di risorse economiche: “Stiamo mettendo a punto dei sistemi di telecontrollo che ci permetteranno di monitorare la situazione dei serbatoi in tempo reale, in modo da evitare che si svuotino e gli utenti restino senz’acqua”, ha assicurato  Scutti.

giusepperitucci@yahoo.it

Più informazioni su