vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Consulta giovanile, è scontro tra Della Porta e Marra

Più informazioni su

VASTO – Al centro della polemica politica ora finisce la Consulta giovanile di Vasto. Se Mario Della Porta, candidato sindaco di Pdl e Udc, annuncia di voler cambiare la composizione dell’organismo comunale che organizza iniziative per i giovani, l’assessore alle Politiche sociali, Marco Marra, risponde a muso duro: “Qualche giorno fa, sul palco di piazza Rossetti, Mario Della Porta, annunciava di voler fare una lista elettorale di soli giovani dalla quale avrebbe poi formato la nuova consulta giovanile.
Intanto, informo il candidato sindaco di Pdl e Udc, che non conosce la realtà locale, che la Consulta Giovanile di Vasto è un organo istituzionale a tutti gli effetti, e come tale ha un organo direttivo formato da un presidente (Francesco Del Viscio), da un vice presidente (Cristina Colanzi) e da un segretario (Giulio Giarrocco) regolarmente eletto e che farà funzione per due anni, secondo le regole statutarie.
Su queste considerazioni oggettive, l’idea di Della Porta di voler formare una nuova consulta direttamente da una lista elettorale in suo sostegno è uno strafalcione antidemocratico che non immaginavo da un ex giudice.

Inoltre – polemizza Marra – lo invito a rispettare la Consulta Giovanile di Vasto, visto che se vorrà essere il Sindaco di Vasto, dovrebbe imparare a dialogare con le istituzioni, piuttosto che screditarle.
Mentre i giovani del Pdl fuorviano il proprio candidato sindaco sulla realtà locale, i giovani della Consulta si sono armati di pennelli e vernicie e stanno ridipingendo il Centro di aggregazione Progetto Giovani del quartiere San Paolo, secondo una visione di autogestione, e questo sabato stanno organizzando una festa con mostra di pittura, premiazione del vincitore del concorso Crea il logo della Consulta Giovanile, e concerto serale.
I giovani del Pdl – conclude l’assessore – sono invitati a partecipare e non a boicottare uno spazio che è anche loro”.

 

Più informazioni su