vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Golden Lady, confronto in Regione per salvare 482 posti

Più informazioni su

GISSI – Sedersi tutti attorno a un tavolo per salvare i 382 posti di lavoro della Golden Lady di Gissi e per invertire la rotta di una crisi che nella Val Sinello sta assumendo toni sempre più preoccupanti.

Lo chiedono Cgil, Cisl e Uil dopo l’assemblea pubblica in cui, nel paese dell’entroterra vastese, si sono ritrovati faccia a faccia lavoratrici e lavoratori, rappresentanti sindacali, istituzionali e tecnici dell’assessorato regionale al Lavoro.

Presenti, tra gli altri, anche il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, il sindaco di Gissi, Nicola Marisi, e rappresentanti della Cna, confederazione nazionale artigiani. Si cerca una soluzione. Cgil, Cisl e Uil chiedono “la convocazione da parte dell’assessorato regionale al lavoro di una riunione con l’azienda, le istituzioni locali ed il sindacato confederale e di categoria per ricercare, e quindi determinare, l’impegno della Golden Lady ad accompagnare e facilitare il processo di riconversione finalizzato alla rioccupazione ed alla salvaguardia dei posti di lavoro”.

I sindacati vogliono anche la “costituzione di un tavolo permanente partenariale composto da Regione, Provincia, Comune di Gissi, Consorzio industriale, Confindustria, azienda, Patto territoriale Trigno-Sinello ed organizzazioni sindacali confederali e di categoria. Il tavolo sarà istituito e convocato dalla Provincia, assessorato al lavoro ed alle attività produttive entro questo mese di aprile”.

Nelle scorse settimane era stata prospettata la riconversione dello stabilimento in un’azienda della green economy, specializzata nella produzione di pannelli solari. Ma servono i fondi. Per questo, come per qualsiasi eventuale altro progetto. “Ben vengano tutti gli imprenditori di altre regioni intenzionati a investire dalle nostre parti”, afferma Di Giuseppantonio.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su