vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Suriani: "Stop a chi considera le dune proprietà privata"

Più informazioni su

VASTO – Da Anna Suriani, assessore comunale a Vasto, riceviamo e pubblichiamo:

Riceviamo dal  WWF una preoccupante  denuncia  circa  pesanti  manomissioni  all’ambiente dunale di Vasto Marina.
Nell’occasione sottolineo come gli interventi  delle associazioni di volontariato per attività di controllo sul territorio, in un’ ottica di fattiva collaborazione sempre intercorsa,  spesso suppliscano alla difficoltà dell’Ente nel controllo dell’enorme territorio comunale, considerando anche che molti interventi contro l’ambiente si realizzano in un arco temporale brevissimo.
Il territorio in questione essendo sede di un sito  SIC e di una  Riserva Regionale è tutelato da una corposa serie di norme e merita il massimo rispetto;  sarà scrupoloso ed immediato compito di questa Amministrazione  verificare l’importante segnalazione del WWF e, se del caso, perseguire severamente il reato.
Del resto il Piano di Gestione dell’Area SIC in questione, approvato di recente,  va nel senso della tutela di questo sito, armonizzando  protezione ambientale ed utilizzo sostenibile del territorio.
Proprio per questo non possono essere tollerati interventi di manomissione di un ambiente così significativo anche dal punto di vista turistico,  effettuati senza alcuna autorizzazione in piena area demaniale, considerando che lo strumento di pianificazione adottato contempera le molteplici  esigenze e che questa amministrazione ha sempre cercato di trovare soluzioni e idonee per tutti quando sono state regolarmente richieste.
Preoccupa constatare come, nonostante l’istituzione della  Riserva Regionale delle Dune di Vasto Marina ed i numerosi interventi a sostegno della stessa,  sfugga a molti l’importanza di quell’area e soprattutto si continui con prepotenza ed arroganza a considerare il demanio marittimo come  una sorta di appendice delle varie attività private, oggetto di azioni illegittime peraltro su aree pubbliche.

 

 

Più informazioni su