vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Biofox, peggio di così i play-out non potevano iniziare

Più informazioni su

VASTO – Se non si cerca qualcosa a cui aggrapparsi per questi play-off diventa difficile commentare gara-1 dei play-off salvezza, tra Biofox Vasto e Sulmona. Scendendo nel più classico dei luoghi comuni, si potrebbe dire che si è persa una battaglia ma non la guerra. Però, se lo spirito dei giocatori biancorossi è quello visto in campo oggi, si rischia davvero di prendere una bella botta.

La gara finisce 75 a 59 per gli ospiti, un risultato che pesa come un macigno sul cammino-salvezza di Desiati e compagni. Ora, per restare in serie C, bisogna andare a vincere a Sulmona e poi giocarsi tutto nella terza gara in casa. La squadra che nelle ultime tre gare in casa aveva ceduto solo contro Roseto ( per due soli punti) e ben giocato a Venafro, si è sciolta come neve al sole al cospetto di avversari che in tutta la stagione avevano collezionato solo 3 vittorie.

Come ben scriveva il collega Gabriele Cerulli nella presentazione della gara su Primo Piano, il Sulmona ha iniziato il campionato sapendo di giocarsi il tutto per tutto nei play-out. E, per ora, sta ottenendo un risultato che, guardando alla stagione, ha dell’incredibile. E invece gli ospiti sono stati avanti per tutta la durata dell’incontro, tirando e segnando da ogni posizione, spesso con molta libertà e potendo così gioire alla sirena finale.

L’impressione che si è avuta è che i vastesi siano scesi in campo senza la giusta determinazione per portare in porto il risultato. Lo specchio di questa disfatta è nell’ultimo quarto, con una serie di 4 azioni senza canestro del Sulmona, in cui nemmeno per una volta i biancorossi sono riusciti ad andare a segno nel ribaltamento di fronte.

Ora non c’è tempo da perdere. Questa sconfitta deve essere la molla per recuperare energie fisiche e soprattutto mentali, perchè il verdetto non è ancora scritto. Ci vorranno cuore e umiltà per ripartire e conquistarsi la permanenza in serie C.

Giuseppe Ritucci

 

Più informazioni su