vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Disfatta Biofox: perde anche gara-2 e retrocede in C2

Più informazioni su

SULMONA – La reazione d’orgoglio non c’è stata. La Biofox perde 64-57 a Sulmona e lascia la serie C nazionale. I play-out si chiudono con un netto 2-0 a favore dei peligni, che possono così festeggiare una salvezza inaspettata guardando quanto accaduto nella stagione regolare. Le sole 3 vittorie in campionato hanno ingannato, forse facendo sottovalutare l’impegno. E invece i biancorossi colano a picco, tra amarezze e rimpianti.

La gara. I vastesi si presentano a Sulmona senza allenatore, dopo la separazione di inizio settimana con coach Della Godenza. E’ capitan Segio Desiati a gestire dalla panchina, con la coppia Cicchini-De Felice a dare indicazioni dalla tribuna. In campo manca Peppe Bonaiuto, dopo l’infortunio al tendine d’Achille di gara-1. Nervi tesi, con le squadre che partono a basso ritmo. La Biofox, riesce a chiudere il primo quarto in vantaggio di due punti, 17-19. Sono D’Alessandro, 18 puntia fine gara per lui,e  Mariani, con 15, a portare avanti il punteggio degli ospiti.

Il Sulmona non sta a guardare, intravedendo la ghiotta occasione di conquistare la salvezza tra le mura amiche. Si gioca punto su punto e si va al riposo in parità, 27-27. I vastesi riescono ad approfittare di qualche errore avversario e costruire dei mini-break per andare in vantaggio, anche se i padroni di casa sono sempre pronti a recuperare. La terza frazione vede ancora Vasto in vantaggio, 43-45.

L’ultimo quarto è intenso di emozioni ma povero di punti. Desiati e compagni, sostenuti da un buon numero di tifosi giunti da Vasto, cercano l’allungo per poter chiudere la partita e sembrano riuscirci. A pochi secondi dalla fine i punti di vantaggio sono 3, quando Salvatore, ancora lui, infila una tripla clamorosa e porta le squadre sul 55 pari. Si va ai supplementari.

Ed è qui che si consuma la tragedia (sportivamente parlando, s’intende) della Biofox. Marinaro e Celenza sono già fuori per 5 falli, gli altri, complice la panchina corta sono stremati. I cinque minuti di extra-time sono uno stillicidio. Il pallone scotta nelle mani dei vastesi, che riescono ad andare a segno solo con i due tiri liberi di D’Alessandro, i padroni ne mettono dentro 9, di 2 dal campo e 7 dai liberi. A fine gara, i padroni di casa sono andati in lunetta ben 27 volte, contro le 10 dei giocatori Biofox. Un dato che qualche perplessità la lascia anche se certamente la sconfitta non è da imputare all’arbitraggio.

Alla sirena finale esplode la gioia dei giocatori e del pubblico del Sulmona. Alla fine hanno conquistato loro la salvezza, giocandosi il tutto per tutto in queste gare di play.out.

Passata la delusione sarà il momento di trarre le conclusioni di questa annata, che doveva essere bellissima e invece si è rivelata assolutamente negativa. Arrivare a giocarsi la salvezza in gare del genere e fortemente rischioso, e si è visto. Troppe le occasioni buttate al vento per chiudere bene il campionato. Le potenzialità c’erano tutte, anche se poche volte sono state espresse.

Ora è il momento in cui tenere duro e ripartire con nuovi obiettivi, per continuare a far crescere un movimento che coinvolge decine e decine di ragazzi.

Giuseppe Ritucci

 

Più informazioni su