vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il Parco della Costa teatina e i suoi confini, tesi a confronto

Più informazioni su

VASTO – Si sono confrontati a Vasto nella sala conferenze degli ex palazzi scolastici di corso Italia i diversi punti di vista sulla perimetrazione del Parco nazionale della Costa teatina, che dovrà tutelare e valorizzare il lungo litorale da Ortona a San Salvo. L’occasione per parlare di difesa dell’ambiente e gestione delle riserve naturali è stata la tavola rotonda sul tema Custodi del territorio. Gestione delle aree marine quali patrimoni e risorse d’Italia. Biodiversità, sostenibilità urbana e responsabilità penali. L’appuntamento, che ha visto la partecipazione di svariati relatori e ospiti, è stato organizzato dal Movimento naturalista italiano, di cui è referente locale Francescopaolo Molino.

Il parco – Sull’ampiezza del futuro Parco della Costa teatina si sono confrontati i due punti di vista sui confini che l’area tutelata dovrà avere in territorio di Vasto. “Per indicarne il perimetro, noi abbiamo preso come riferimento la Statale 16”, ha spiegato Camillo D’Amico, consigliere provinciale del Pd.

L’Arci, invece, si è espressa a favore di una zona protetta che sia la più larga possibile: “Siamo per l’ampliamento perché, in base alla nostra esperienza in materia di parchi, includere l’intero abitato”, come prevede a Vasto una prima bozza di perimetro condivisa da Governo e Regione, “porta dei vantaggi economici”, ha sostenuto Lino Salvatorelli, presidente locale dell’associazione ambientalista.

La premiazione – La sezione di Vasto del Movimento naturalista italiano ha anche conferito tre attestati di benemerenza. Premiati il comandante della Guardia costiera di Vasto, tenente di vascello Daniele Di Fonzo, il comandante del servizio navale dei carabinieri di Punta Penna, luogotenente Mario Petrocchi, e il responsabile della Protezione civile Giacche verdi, Eustachio Frangione.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su