vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Calci e pugni contro i poliziotti, tre persone arrestate

Più informazioni su

VASTO – Con le accuse di violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e danneggiamento, gli agenti del Commissariato di Vasto hanno arrestato tre persone di etnia rom: Sante, Rocco e Fernando Bevilacqua, di 34, 42 e 40 anni.

Il 15 maggio una volante è intervenuta in un locale del del centro storico a seguito di una segnalazione di rissa giunta al 113. I poliziotti hanno trovato nel pub 7 persone.

“Nonostante la presenza di altri avventori, pretendevano di essere serviti per prima e di consumare ulteriori bevande alcoliche, che i gestori naturalmente avevano rifiutato,  ritrovandosi così circondati dai sette nomadi”, racconta il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del Commissariato di via Bachelet.
“In preda ai fumi dell’alcool il gruppo li aveva insultati, minacciati e creato disturbo alle altre persone presenti che terrorizzate hanno chiesto al proprietario del locale di chiamare immediatamente le forze dell’ordine.
Gli operatori intervenuti avevano tentato di riportare la situazione alla normalità  invitando  i rom ad allontanarsi dal  locale, ma evidentemente non avevano preso troppo bene la cosa e una volta raggiunta la soglia, spinti da una furia incontrollata, avevano opposto resistenza aggredendo gli agenti con calci e pugni.
Gli agenti venivano pertanto coinvolti in una violenta colluttazione nel corso della quale i nomadi bloccati, nel tentativo di divincolarsi, avevano lacerato in diversi punti l’uniforme degli operatori.
Tre di loro sono stati fermati, mentre gli altri facenti parte del gruppo sono riusciti a scappare, ma sono in corso di identificazione”.

Nei confronti dei tre uomini è scattato l’arresto. I poliziotti sono stati curati al pronto soccorso dell’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. La prognosi di guarigione è di 7 giorni. Gli investigatori hanno accertato che su Rocco Bevilacqua pendeva un obbligo di dimora a Pescara emesso dalla Corte d’appello dell’Aquila. E’ accusato, quindi, anche di evasione.

Più informazioni su