vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Prospero a Giangiacomo: "Chi mi critica pensa a se stesso"

Più informazioni su

VASTO – Antonio Prospero non ci sta. Stavolta il consigliere regionale risponde a muso duro alle polemiche che non vengono dagli avversari, ma da dentro il Pdl di Vasto, dove sale la tensione in vista del ballottaggio.

“Ho avuto dalla politica perché la gente lo ha sempre votato”, ribatte stizzito l’ex sindaco. Passa subito al contrattacco nei confronti di Guido Giangiacomo e del gruppo dei rinnovatori, che già avevano fatto sentire la loro voce a marzo, quando ancora nel centrodestra si discuteva su chi dovesse essere il candidato sindaco.

Ora, acquisito il risultato del primo turno, che dice 21% per Mario Della Porta e, nella coalizione che lo sostiene, 12% per il Pdl, scoppiano le polemiche. Prospero respinge le accuse e le fa rimbalzare nel campo degli avversari interni: “Io – ribatte – non ho fatto blocco, come coloro che, pur di convogliare voti su se stessi, hanno evitato altre candidature utili al partito. E così, quei potenziali candidati hanno accresciuto il numero dei consensi ottenuti da chi oggi alza la voce”. La polemica ruota attorno alla scelta dell’ex presidente del Tribunale di Vasto come leader dello schieramento elettorale composto dalle liste Pdl, Udc, Vasto Futura-Rialzati Abruzzo e Vasto Giovani.

“La scelta di Della Porta serviva proprio a promuovere una crescita del partito e, al suo interno, dei giovani. Ma se alcuni candidati fanno blocco per coltivare solo la propria ambizione personale ad essere eletti, invece di fare l’interesse dell’intero Pdl, non è colpa di Della Porta”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su